Cerca

Deluso

Tennis, Ilie Nastase attacca Andre Agassi: "Si è drogato, io gli toglierei tutti i titoli vinti"

Tennis, Ilie Nastase attacca Andre Agassi: "Si è drogato, io gli toglierei tutti i titoli vinti"

Andre Agassi ha confessato di essersi drogato? E allora che ti ritirino tutti i titoli. La proposta choc arriva dal campione di tennis rumeno Ilie Nastase che da Shangai si è scagliato contro il campione statunitense che nella sua autobiografia ha ammesso di aver ceduto agli stupefacenti. "Non sono d'accordo con Agassi, lui doveva dire tutto questo prima. Lo doveva dire nel momento in cui lo ha fatto, questa è una situazione negativa per il tennis. Non è giusto che lui dica tutto questo dopo che ha smesso di giocare. La gente diceva che lui prendeva qualcosa ma che lo confessi dopo che ha vinto tutti questi tornei non va bene. Se io fossi stato nella federazione internazionale gli avrei tolto tutti i titoli. Tipo Armstrong? Lui è uno che ha rubato. Troppo facile dirlo dopo".

Nastase ha dominato il tennis mondiale dal 1970 al 1985, vincendo per due volte a Wimbledon e salendo al primo posto nel ranking nel 1973: "Mi hanno domandato ma voi prendevate droghe? - ha aggiunto Nastase - E io risposto la birra, il vino....Forse oggi il gioco è così, come il ciclismo, devi riuscire a giocare per cinque ore ad alto livello, hai bisogno di un aiuto fisico, ma per noi non era così, per noi era importante giocare e divertirsi. Se vincevi il titolo bene ma i soldi non c'erano, non ci pensavamo ai soldi. Oggi c'è più pressione, contratti importanti, hanno i bonus. Ma non è giusto quello che ha fatto Agassi, mi dispiace perché mi piaceva come giocava, però se rubi per me non sei più un campione"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Nanni60

    16 Aprile 2015 - 08:08

    Sarebbe bello che confessasse qualcun altro....certe vittorie e certi periodi di lunghe soste fanno sospettare. Purtroppo ha ragione Nastase, oggi è un altro sport in tutti i sensi.

    Report

    Rispondi

blog