Cerca

Commento

Luciano Moggi: occhio Juve, il vero pericolo è Carlo Ancelotti. La Champions è casa sua

Luciano Moggi: occhio Juve, il vero pericolo è Carlo Ancelotti. La Champions è casa sua

Mettiamo da parte la serie A dove il titolo è assegnato da tempo, dove - a meno di terremoti - il Cagliari seguirà in B Cesena e Parma, dove la lotta per il 2° posto tra Roma e Lazio si protrarrà sino alla fine, considerando anche che il Napoli sta facendo il possibile per non dar loro fastidio. Restano da definire i posti in E-League (favorite Fiorentina e Samp), ma questo è il momento di parlare di Champions. Il Barça è atteso dal Bayern per il ritorno della semifinale, dopo il secco 3-0 sull’ex Guardiola, ma soprattutto domani la Juve sarà ospite al Bernabeu di un Real battuto a Torino con un 2-1 che non lascia tranquillo chi vuol bene al calcio italiano e alla Signora.
Facile il pronostico in favore degli spagnoli sui tedeschi, meno agevole immaginare chi andrà in finale tra Juve e Real, soprattutto dopo aver visto Ancelotti pareggiare sabato contro il forte Valencia (2-2 dopo lo 0-2), mentre la Juve si esibiva in poco più di un allenamento contro il Cagliari e ritrovava Pogba. Un incontro spettacolo, a Madrid, un Real sfortunato per aver colpito tre pali e sbagliato un penalty con Ronaldo, ma comunque diverso da quello abulico visto a Torino, una prestazione valida sebbene CR7 sia rimasto un po’ in ombra (meglio Bale). Kroos ci sarà, Benzema partirà probabilmente in panca.

Giovedì, poi, in E-League toccherà a Napoli e Fiorentina, furiose per gli errori arbitrali nelle semifinali d’andata (i napoletani per l’1-1 del Dnipro in fuorigioco, i viola per due rigori non dati) e tuttavia nessuna delle due ha fatto un minimo di autocritica. “Pazzo” il Napoli, perché non è stato il Napoli di Wolfsburg ma piuttosto quello di Empoli; mentre la Fiore non considera i 3 gol subiti, quelli sbagliati, l’ostinazione di tenere in campo Gomez che è poco più di uno spettatore. La finale di Varsavia per i toscani è una chimera, i campani hanno le qualità per qualificarsi: dipenderà da quale Napoli scenderà in campo, ma se sarà quello visto contro il Parma...

Applausi al Milan di Inzaghi che batte meritatamente la Roma 2-1. Orfano di Menez il Diavolo si è dato un volto diverso, ha giocato finalmente da squadra, Honda (nel ruolo che predilige) ha dato lezione di tecnica mettendo lo zampino in entrambi i gol. È la dimostrazione di quello che scriviamo da tempo su Menez: vero, ha segnato 16 gol, deliziando i palati fini, ma non ha fatto crescere la squadra e quando non segna è un impedimento. Bonaventura invece aiutava i difensori ed era sempre a sostegno degli attaccanti; la difesa è stata più attenta, con davanti il solito De Jong; la squadra ha cercato di vincere attaccando, come fanno le grandi. Nel frattempo, un arrabbiato Garcia sintetizzava la prestazione della Roma: «Abbiamo regalato un’ora» ed è la prima volta che il mister accusa pubblicamente i propri giocatori. Ma perché si ostina ad utilizzare Ibarbo, che non ha qualità per stare in un club con le ambizioni della Roma? Meglio Totti, anche se a ritmo ridotto: la sua presenza incoraggia i compagni, sa dare palle importanti e non si tira mai indietro. In panchina, il suo volto corrucciato diceva molto: si è forse rotto qualcosa tra lui e Garcia?

Mentre nel posticipo l’Inter batte all’Olimpico una gagliarda Lazio, ridotta in 9 da una terna arbitrale non all’altezza, riproponendosi nella lotta per l’E-League. Un bravo d’obbligo a Mancini che si sta sforzando di far ragionare una squadra che prima non ragionava. Nel senso calcistico, naturalmente.

di Luciano Moggi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog