Cerca

Basket

Sassari zittisce i 12mila del Forum, batte l'Olimpia nel supplementare e vola in finale

Sassari zittisce i 12mila del Forum, batte l'Olimpia nel supplementare e vola in finale

Epilogo più giusto dei tempi supplementari non poteva esserci tra Milano e Sassari nella gara-7 di semifinali playoff. E alla fine, nella bolgia dei 12mila del Forum di Assago, l'hanno spuntata i sardi, che per la prima volta nella loro storia da domenica giocheranno una finale del campionato di Basket di serie A. Il punteggio finale è 86-81, ma fino a due secondi dalla fine del tempo regolamentare era Milano avanti di tre punti. Fallo su Dyson, l'americano va in lunetta e segna il primo libero. Poi sbaglia apposta il secondo e lì gli uomini dell'Olimpia a rimbalzo si addormentano. La palla schizza, va in mano a Sanders che insacca sulla sirena: 75 pari e supplementari fatali all'Olimpia.

EA7 che nel primo quarto era scattata benissimo, con Ragland e Samuel a dominare dal perimetro e in area, autori rispettivamente di 11 e 10 dei 25 punti con cui Milano chiudeva avanti di 11 (25-14). Secondo quarto e coach Banchi che faceva? Li toglieva dalla partita entrambi per sette minuti, con l'attacco Milanese che si incartava mentre dall'altra parte Sosa e Logan smettevano di sparare a salve e Lawal che iniziava a banchettare a rimbalzo. Morale: controparzialone del Banco di Sardegna che di fronte a uno spento Hackett e a un Gentile a dir poco confusionario chiudeva il primo tempo avanti di due 37-35.

La partita è girata lì, con quella inspiegabile scelta del coach milanese. A inizio terzo quarto Sassari va avanti di 8 ma Samuels, Hackett e una gran difesa di squadra ricuciono e spingono i milanesi avanti 57-51. E' un fuoco di paglia, ancora una volta banchi non ha nulla dalla panchina, eccezion fatta per un eroico Bruno Cerella. Sassari riaggancia e si va avanti così in uno snervante equilibrio che costa molte energie ai milanesi. Samuels è un leone, alla fine nemetterà 25, ma in assenza di cambi all'altezza si sfianca e nel quarto quarto Lawal gli mangia letteralmente in testa a rimbalzo, chiudendo con un incredibile bottino di 21 palloni recuperati sotto i tabelloni. Due liberi di Cerella a otto secondi dalla fine paiono mettere in cassaforte il risultato, prima del rocambolesco finale coi liberi di Dyson. Più forte Sassari, Milano non aveva la squadra per reggere serie tanto lunghe e tanto combattute. Poi si sa, sono anche gli episodi a decidere...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog