Cerca

La fuga

Mercato Juventus: addio a 114 gol

Mercato Juventus: addio a 114 gol

Squadra che vince, si cambia. La Juventus che raccoglierà l’eredità di quella che ha sfiorato il triplete sarà completamente rivoluzionata. Via Pirlo, Tevez, Vidal e Llorente, dentro Mandzukic, Dybala, Rugani, Khedira e Zaza. Per ora.

Difficile dire se dal cantiere bianconero uscirà fuori una creatura addirittura più forte dello squadrone che ha vinto quattro scudetti consecutivi. Di certo, però, a Torino hanno intenzione di aprire un nuovo ciclo. Dopo un quadriennio di successi, infatti, il rischio appagamento è sempre dietro l’angolo, e questi quattro giocatori, pur dopo aver realizzato 114 dei 210 gol segnati dalla Juve nelle ultime due stagioni, avevano esaurito la propria capacità di lasciare un’impronta.

La stagione di Pirlo è stata la peggiore da quando veste bianconero, Vidal non è stato determinante come in passato e Marotta non si è fatto sfuggire l’ultima occasione per venderlo a cifre stellari (40 milioni bonus inclusi garantiscono alla Juve una plusvalenza di 31 milioni), e anche Llorente, cercato dal Real Madrid e dal Porto (Alex Sandro rientrerebbe nell’affare), che è stato preso a parametro zero, può garantire un ottimo guadagno. Discorso a parte per Tevez, impossibile da trattenere.

I sostituti chiamati a raccogliere il testimone di questi top player hanno di certo caratteristiche diverse. Khedira non è un regista, Dybala non è un numero 10 e Mandzukic non è una punta da 20 gol a stagione. Lo sa bene anche lo stesso croato, che si è presentato ieri alla stampa (oggi tocca a Zaza) dicendo: «Non me la sento di promettere un certo numero di gol, ma farò del mio meglio. Il bel gioco mi facilita il compito». Proprio l’attacco è il reparto più stravolto, con il solo Morata superstite dei fasti del primo Allegri. Lo spagnolo, che non è più quello acerbo sbarcato allo Stadium un anno fa, sarà titolare e verrà affiancato a Dybala o Mandzukic. Se poi Marchisio è il sostituto naturale di Pirlo, il ruolo più delicato da occupare resta il trequartista.

A suggerire il colpo a Marotta ci ha pensato proprio il nuovo arrivato Mandzukic: «Ho giocato con Gotze e credo possa giocare in qualsiasi squadra, è un giocatore di grande qualità e un bravo ragazzo». Nell’incontro di ieri in Baviera il dg bianconero ha provato a inserire il fuoriclasse tedesco nella trattativa, ma il Bayern vuole intavolare un discorso a parte, e soprattutto a cifre non inferiori ai 45 milioni. Le alternative non mancano. Julian Draxler, talentino di 21 anni dello Schalke 04 è più di un’idea. Costa meno di 20 milioni e potrebbe essere preso assieme a un altro acquisto top come quello di Cuadrado. In tal caso il colombiano potrebbe essere impiegato come esterno di centrocampo o in un attacco a 3. Oltre a Ozil, un altro pallino della dirigenza bianconera è sempre stato Oscar del Chelsea. Il brasiliano è in uscita dal club di Mou che punta forte su Pedro del Barcellona. L’affare si potrebbe chiudere per una trentina di milioni, ma i soldi freschi in arrivo da Vidal potrebbero convincere i Blues ad alzare il prezzo del loro talento.
Occhio sempre all’intreccio di mercato con i bavaresi che non riguarda solo Gotze, ma anche un possibile trasferimento di Coman alla corte di Guardiola e Benatia nella difesa bianconera.

Daniele Dell'Orco

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog