Cerca

Kazan, Alzain Tareq a dieci anni nuoterà ai Mondiali di nuoto

Alzain Tareq

È vero che “lo sport non ha età” e che “l’importante è partecipare” e tutte quelle balle lì. Però ai Mondiali di Kazan il buon senso è annegato in piscina. Se ormai in nome del dio denaro ci turiamo il naso e buttiamo giù quasi tutto, stavolta non sembrano neanche esserci clamorose speculazioni economiche dietro alla scelta di far gareggiare alla rassegna iridata di nuoto Alzain Tareq. Segni particolari? Ha 10 anni e oggi entrerà nella storia come la più giovane partecipante a un Mondiale. L’aspettano i 50 metri farfalla e domani i 50 stile libero, i prevedibilmente scroscianti applausi di incoraggiamento della Kazan Arena e, certamente, molte molte molte bracciate in solitudine, in quella piscina che domenica scorsa si è già trasformata in oceano per Ahnt Khaung Htut, il 12enne nuotatore birmano che ha chiuso i 100 rana in 1’16”13, a 18 secondi dai tempi di riferimento. No, a differenza delle Olimpiadi, ai Mondiali la Federnuoto internazionale non prevede limiti di età, quindi via libera alla girina che viene dal Bahrain: «Sono nervosa, è incredibile nuotare accanto a questi campioni. Spero di migliorare i miei personali», esclama Alzain, figlia di una maestra e di un ex nuotatore, Tareq Juma Salem, che l’accompagna dispensando sorrisi e rivelando che la figlia si allena due volte al giorno da quando ha 4 anni e che gareggerà per onorare la memoria di Khalifa Ali, il suo coach da poco scomparso. Tanti auguri.

Tommaso Lorenzini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog