Cerca

Osè

Tanzania, il difensore Juma Said accusato di atti osceni: ha infilato il dito nel sedere dell'avversario

Tanzania, il difensore Juma Said accusato di atti osceni: ha infilato il dito nel sedere dell'avversario

Dita malandrine sconvolgono la Tanzania ancora una volta. Il difensore del Mbeya City, Juma Said, è stato squalificato per due anni dalla Tanzania Football Federation per aver compiuto un "atto di indecenza". Secondo quanto riferisce la BBC Sport, il capitano della squadra è stato accusato di aver infilato un dito nell'ano dell'avversario John Bocco durante una partita giocata lo scorso 27 settembre. Said è stato multato con un'ammenda da 930 dollari e convocato dalla squadra per un'udienza disciplinare. Il club ha promesso inoltre che renderà pubblici i risultati dell'indagine prima della fine della settimana.

Precedenti storici - Il calciatore non è nuovo a questi gesti scellerati. Ad inizio anno era stato squalificato per otto giornate per aver fatto lo stesso con l'attaccante del Simba Elias Maguli. Episodi simili sono avvenuti anche durante l'ultima Coppa America quando il cileno Gonzalo Jara aveva palpato nel profondo l'attaccante dell'Uruguay Cavani. Nemmeno il campionato italiano è esente da episodi di questo tipo. Nel 1997 in un Bari-Juventus Pippo Inzaghi fu avvolto dalle mani di Neqrouz. Il calciatore marocchino a gioco fermo si avvicinò a Pippo, il quale rimase scioccato dalla palpatina profonda.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelux1945

    01 Ottobre 2015 - 20:08

    Quale punizione?????? Una bella mazza da baseball infilata nel suo deretano e vedrete che perderebbe di colpo il "vizietto" !!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

blog