Cerca

Critiche

Mancini e la sfuriata contro i giornalisti: "Scrivete senza conoscere"

Mancini e la sfuriata contro i giornalisti:

"Mister, schiererà una difesa a tre?". È bastata una semplice domanda di una giornalista, alla vigilia della trasferta dell'Inter a Genova contro la Sampdoria, e Roberto Mancini non ci ha visto più. L'allenatore si è lanciato in una serie di considerazioni sui giornalisti, a ruota libera, criticando il loro lavoro e le loro analisi delle partite. Il tutto in maniera molto seria anche se non con i toni più gentili che si possano immaginare.

La sfuriata - La chiamano già "la sfuriata di Mancini" e a ben vedere il termine è quello corretto. Il tecnico ne ha per tutti. "Scrivete spesso senza conoscere di quello che scrivete. Se la squadra perde non è certamente per la difesa a 4 o a 3. Semmai è per merito degli avversari o perché incidono gli errori dell’allenatore, dell’arbitro, dei giocatori in campo". La seconda stangata ai giornalisti arriva poco dopo: "Tutti vogliono fare gli allenatori in Italia. Il calcio è pazzesco, tutti si mettono lì a pensare quale sia la cosa migliore. Se un giornalista sbaglia la formazione impazzisce. Dovrebbero fare un fantacalcio per i giornalisti sulla formazione". Insomma, chi scrive è incompetente e gioca a fare il mestiere dell'allenatore. Così Mancini dà un consiglio: "Voi dovete scrivere, scrivete. Ma io non cambio le mie scelte".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frabelli

    03 Ottobre 2015 - 21:09

    Mancini non ha torto.

    Report

    Rispondi

blog