Cerca

Profetico

Parla Moggi: "Tutta la verità sulla Juve. Vi svelo il futuro di Allegri"

Luciano Moggi

Impazza il mercato di riparazione: il mese di gennaio serve a chi deve riparare gli errori commessi a luglio e si fanno già i nomi degli allenatori per le loro destinazioni future italiane ed estere; campeggia nella prima pagina di un giornale sportivo la lotta tra i due Manchester, United e City, per assicurarsi le prestazioni di Pep Guardiola quando Guardiola ha posto da tempo la sua firma per il City. Si dice che Allegri sia la prima scelta del Chelsea e questo ci può stare, visto quanto di buono sta facendo Max nella Juve, resta però il fatto che il mister se ne resterà tranquillamente in bianconero che è un colore che gli si addice e porta fortuna sia a lui che alla sua squadra. Sono chiacchiere. Di sicuro il nostro Carlo Ancelotti sarà il sostituto di Guardiola alla corte del Bayern e Francesco Guidolin è già alle dipendenze dello Swansea City: a entrambi i nostri auguri di buon lavoro.

Sul fronte italiano particolarmente attiva l’Inter per completare la rosa, cosa possibile se saranno ceduti gli esuberi: obiettivi Soriano e Lavezzi, quest’ultimo pronto per arrivare anche se l’ostacolo è il Psg che lo cederebbe a soldi, mentre a luglio potrebbe arrivare a parametro zero. La Roma per rimediare ai grossolani errori del duo Sabatini-Garcia prende El Shaarawy ed è in arrivo Perotti, l’altro obiettivo, mentre i tifosi si interrogano ancora sul perché il giovane Romagnoli sia andato al Milan, sostituito in giallorosso da Rudiger. Intanto il presidente Pallotta cerca di mettere ordine in società, visto anche il fallimento attuale del progetto stadio: dismette Pannes e si assicura il manager Giusberg, dimissionario dal Liverpool, che farà parte del team giallorosso e avrà in mano il dossier stadio. Il Napoli cerca di completare la rosa già importante con giovani interessanti: in arrivo Grassi dall’Atalanta e Barba dall’Empoli, due giocatori che dovrebbero assicurare un ciclo, data la loro qualità e anche in considerazione della età. Difficile è stabilire cosa voglia fare il Milan, o meglio cosa possa fare in un guazzabuglio di ruoli difficile da districare. Il tutto mentre la Juve incuriosita sta a osservare le mosse dei suoi avversari non avendo particolari esigenze da rimediare.
In settimana ha tenuto campo la polemica tra Sarri e Mancini per le frasi del dopo Napoli-Inter di Coppa Italia. C’è chi dice addirittura che il mister nerazzurro abbia alimentato la polemica a bella posta per indebolire il Napoli privandolo della presenza in panchina del suo tecnico; noi siamo invece dell’avviso che Mancini si sia veramente infastidito per il tipo d’offesa, mentre il toscanaccio Sarri, a parte le scuse di rito, ha fatto uscire dalla sua bocca parole che a Empoli non avrebbe neppure pensato: quando si vince, come fa adesso con il Napoli, è sempre più difficile saper perdere.

In questa giornata tengono il cartellone Sampdoria-Napoli e Juventus-Roma. La capolista va a Marassi contro una squadra, quella del presidente Ferrero, che non dà affidamento quanto a continuità:nell’ultima giornata è stata infatti sconfitta dal Carpi e prima ancora dalla Juve. Se dovessimo stilare un pronostico in base al momento di forma delle due squadre, non ci sarebbero dubbi che i favori andrebbero ai partenopei. Due cose però vanno annotate che potrebbero favorire i blucerchiati: la prima è che incontrando la capolista ogni squadra è stimolata a dare di più; la seconda è che saper fermare Higuain è fermare il Napoli. Juve-Roma è la partita che in passato coinvolgeva la prima e la seconda della classe per il primato, al momento però il giallorosso è un colore un po’ sbiadito, mentre il bianconero è sempre di moda. La rincorsa della Juve, una cavalcata di dieci vittorie di seguito, l’ha portata dall’undicesimo al secondo posto della classifica a diretto contatto con il Napoli, mentre la Roma è addirittura precipitata al quinto posto distante 9 punti dalla prima. Il cambio del mister tonificherà in qualche modo la squadra, che sarà sicuramente un avversario da non prendere sotto gamba da parte dei bianconeri. In casa Fiorentina con il Torino e l’Inter con il Carpi hanno il favore del pronostico.

di Luciano Moggi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog