Cerca

Valigie

Mourinho fa la spesa a San Siro: un doppio colpo (basso) all'Inter

Josè Mourinho

Scaricato dal Chelsea, José Mourinho non resta con le mani in mano. Sabato sera lo Special One è tornato a San Siro per vedere la sua Inter, vincente con il punteggio di 3-0 sulla Sampdoria. Ma in vista della stagione 2016-2017, per il portoghese è già pronta la panchina del Manchester United. I Red Devils, che non vincono la Premier League dal 2013 e la Champions League dal 2008, sono pronti ad accogliere Mou in un matrimonio che sembrava scritto già da diverse stagioni. Un club storico e in difficoltà: l'ennesimo banco di prova per un guerriero come Mourinho che ha portato sul tetto d'Europa il Porto e l'Inter senza mai partire con i favori del pronostico. 

Gli obiettivi - Il Manchester, attualmente, naviga in quinta posizione in Premier con un ritardo di oltre 10 punti dalla vetta della classifica e difficilmente riuscirà a qualificarsi alla prossima Champions League. In vista dell'imminente approdo sulla panchina che attualmente è dell'olandese Louise Van Gaal, Mourinho è in cerca di rinforzi e potrebbe iniziare proprio dall'Inter. In tribuna a San Siro, la partita di sabato è stata un'ottima occasione per valutare da vicino Mauro Icardi e Miranda, i due obiettivi del tecnico.

Questione di soldi - Il centravanti argentino sembra aver ritrovato la vena realizzativa mancata nella prima parte di stagione in zona gol ed il centro del progetto nerazzurro, come ricordato da Erick Thohir. Se dovesse arrivare un offerta prossima o superiore ai 40 milioni, però, sarebbe difficile per il management meneghino resistere alle richieste straniere. Miranda è il pilastro della difesa che ha retto (quasi) senza sbandate negli ultimi mesi del 2015. In calo come i compagni, offre comunque garanzie, affidabilità ed esperienza, doti che attirano Mourinho e il lo United. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudioarmc

    23 Febbraio 2016 - 08:08

    Diamoglieli sia perchè con solo 4 giocatori non si fa una squadra (Handanovic, Miranda, Murillo, Icardi), sia perchè con pazienza e con capacità, con quei soldi, sommati a quelli che si potrebbero ottenere svendendo i mezzi giocatori/brocchi restanti si può fare una formazione di giovani che abbiano voglia e gamba per correre e giocare, poi magari facciamoli giocare nel loro ruolo naturale

    Report

    Rispondi

  • ancer

    22 Febbraio 2016 - 16:04

    se ci dà 40 milioni per icardi glielo porto io con la mia macchina

    Report

    Rispondi

blog