Cerca

Kawachi

Il maratoneta che corre in abito e scarpe lucide (e batte pure i record)

Yuki Kawachi

Yuki Kawauchi è un genio. È la rockstar delle maratone. È anche un impiegato. Passa la sua vita terrena in azienda, con gli occhialini da secchione. E ogni tanto si trasforma in supereroe. Dovrà pur sfogarsi, Yuki, colui che ha corso la «mezza» di Kuki, apparentemente inutile città del Giappone, in giacca e cravatta, in camicia e scarpe lucide. Ma mica partecipa come l’ultimo dei disperati, Yuki. È un tipo serio: sarà alle Olimpiadi di Rio, in virtù delle 2 ore e 8 minuti con cui ha chiuso la maratona di New York. Yuki, quindi, non è uno di quelli che trotterellano in coda al gruppone facendo pit-stop ad ogni banchetto bandito con vin brulé, pane e salame. Ieri, dicevamo, il nostro genio si è svegliato, si è vestito come se dovesse andare in ufficio ed è andato a correre: in un’ora e 6 minuti ha completato la «mezza» maratona, vicino al record dell’eritreo Tadese, che a Lisbona ha corso i 21 chilometri in 58’23” da jogging vestito. Troppo comoda per un genio come Yuki Kawauchi, temerario delle vesciche. (ClaS)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog