Cerca

Caos

Milan, Vincenzo Montella: "Il mercato? Lasciamo perdere"

Vincenzo Montella

Prima il no di Pjaca, poi lo “scippo” di Zielinski. E ancora la rottura con Musacchio, lo stallo con Sosa e persino Arbeloa - già sgradito al possibile futuro ad Gancikoff - che si è stufato di aspettare il Milan e ha iniziato a guardarsi in giro in cerca di altre proposte. E ora Galliani si è spostato su Gustavo Gomez, difensore paraguaiano 23enne del Lanus. Alla fine, anche il paziente Montella non ne può più dell’indecisione di mercato dei rossoneri e sbotta dall’America - dove nella notte contro il Chelsea ha inaugurato lo stadio da 1,1 miliardi di dollari nel quale, tra due anni, si giocherà il Super Bowl (tanti gli esperimenti dettati dalla necessità, da Kucka regista a Bonaventura di nuovo mezzala) - mandando messaggi chiari all’Italia: «Dove ho più bisogno di rinforzi numericamente? La mia risposta potrebbe diventare molto pericolosa», scherza ma non troppo, «comunque con Galliani siamo molto in sintonia».

Il primo nome nella lista dei desideri è ovviamente quello di Cuadrado, l’attaccante esterno che Montella sogna per il suo modulo in attesa del talento a centrocampo: «Forse avete sbagliato qualcosa, se volete informazioni su di lui dovete chiedere al Chelsea», si nasconde l’Aeroplanino. «L’ho allenato, so che giocatore è, io conosco lui e lui conosce me, ma è di un altro club». Anche Zaza aspetta un segnale dal Diavolo, ma invano. È difficile, infatti, arrivare a nomi pesanti se il bilancio consente solo di proporre prestiti con diritto di riscatto.

Sembra esserci movimento solo in uscita - Calabria verso Cagliari, la Lazio pensa a Suso, Porto su L. Adriano - ma non sul nome più atteso, quello di Bacca che potrebbe sbloccare il mercato. Nemmeno la schiarita societaria, d’altronde, potrebbe cambiare di molto le cose. Il 16 agosto ci sarà l’incontro decisivo con l’advisor della cordata cinese, ma sul piatto di Fininvest potrebbero esserci altre offerte e sullo sfondo restano le parole di mr. Bee. Forse poco credibili, sufficienti però per far tornare i tarli nella testa di Silvio Berlusconi, costretto a dare il via libera alla cessione ma mai pienamente convinto di passare la mano.

di Francesco Perugini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zuma56

    06 Agosto 2016 - 10:10

    Bravo Montella, si appresta a ripetere i grandi successi ottenuti con la Sampdoria !

    Report

    Rispondi

blog