Cerca

Sodalizi

Verona città amica, Balotelli al Chievo: ecco perché si può fare davvero

Mario Balotelli

Balotelli al Chievo è più di una suggestione di metà agosto. Venerdì, assieme al suo procuratore Mino Raiola, l’attaccante del Liverpool ha incontrato il presidente della società veronese, Luca Campedelli, accompagnato dal direttore sportivo, Luca Nember. Il colloquio si è svolto a Dossobuono, al ristorante Cavour, a una manciata di minuti in macchina dall’aeroporto di Villafranca.

Campedelli nelle ultime settimane si è messo in testa di portare un grande nome a Verona, come fece con Bierhoff ai tempi del Chievo dei miracoli. È convinto che in un ambiente familiare, senza troppe pressioni addosso e in una città tranquilla dove perfino Luca Toni - sponda Hellas - può passeggiare per le vie del centro senza l’assedio di tifosi e curiosi, Balo possa ritrovare gol ed entusiasmo. Il suo contratto coi Reds scade il 30 giugno 2017, con opzione per il 2018, ma di fatto il tecnico Kloop l’ha scaricato.

Ecco che l’eventualità di un prestito in una squadra medio-piccola sta prendendo corpo: l’obiettivo della società inglese è quello di rilanciare le quotazioni del giocatore (che vuole tornare in nazionale) per poi rivenderlo a una cifra che si avvicini il più possibile ai 20 milioni investiti dal Liverpool ad agosto 2014 per il suo cartellino. Tra il Chievo e Balotelli potrebbe inserirsi l’Ajax, solo però in caso di qualificazione in Champions degli olandesi, attesi dalla doppia sfida col Rostov.

A Balotelli la possibilità di trasferirsi a Verona piace. Lì ha molti amicizie. Risale ai tempi del settore giovanile dell’Inter, ad esempio, quella coi fratelli ghanesi N’Ze, Marcus e Desmond, il primo ex Chievo, il secondo con trascorsi all’Hellas, all’Inter, all’Avellino, in Giappone, e poi diventato collaboratore di Mario. Che nel Veronese, quando era l’enfant prodige del nostro calcio, era stato visto anche in pantaloncini corti a un torneo di calcio a 5 estivo. Frequenti le sue visite a Gardaland. Ora, per ripartire, Balotelli potrebbe scegliere la provincia. Campedelli ha pronto il colpaccio.

di Alessandro Gonzato

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zefleone

    09 Agosto 2016 - 16:04

    Credo che Luca sappia benissimo cosa fa. Il giocare c'è anche se strano. Luca auguri fai grande il Chievo.

    Report

    Rispondi

  • Lorenzo1508

    Lorenzo1508

    09 Agosto 2016 - 12:12

    povero Chievo...

    Report

    Rispondi

  • samuel80

    09 Agosto 2016 - 11:11

    E fu così che anche il Chievo volle procurarsi un doloroso ematoma. Balotelli non è un calciatore, è solo un bimbo ricco, sfrontato, sprezzante....insomma tutto tranne che un calciatore. Da tifoso del Chievo, purtroppo in esilio, non posso che rammaricarmi per la scellerata ipotesi.

    Report

    Rispondi

blog