Cerca

Trucchetti

Doping, guai per Usain Bolt: perché rischia di perdere un oro olimpico

Doping per il compagno di staffetta di Bolt: medaglia olimpica a rischio

Una macchia potrebbe sporcare la pazzesca fedina sportiva di Usain Bolt. La sua terza medaglia d'oro, quella vinta con la staffetta 4x100, potrebbe venirgli revocata per doping. Ad essersi pompato, però, non sarebbe stato il Lampo, quanto uno dei compagni di squadra che con lui corse la finale.

Ai Giochi di Pechino del 2008, la finale del 4x100 se la disputarono il Giappone, Trindad e Tobago e la Giamaica. Tra i velocisti caraibici, anche Nesta Carter, trentunenne, che si portò a casa l'oro insieme ad Asafa Powell, Michael Frater e Usain Bolt. Ma, a differenza dei compagni, Carter si era iniettato uno stimolante, la metilexaneamina, il cui uso comporta una squalifica di 6 mesi e l'annullamento di un'eventuale vittoria olimpica.

Ma ad essere penalizzata sarebbe tutta la squadra, Bolt compreso, e il presidente del Comitato Olimpico, Thomas Bach, sta tergiversando sul ritiro della medaglia. Salvare Carter significherebbe, infatti, non intaccare il mito di Bolt.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • baffos

    11 Ottobre 2016 - 09:09

    Ho sempre avuto un sospetto su certi campioni che stravincono su tutto e tutti, cominciando dal lontano 1972 con Mark Spitz che vinse 7 medaglie d'oro nel nuoto in varie specialità, già allora ero convinto che se lo esaminava l'antidoping ne usciva abbastanza per dopare una scuderia intera,così penso che sia per tutti i grandi fenomeni imbattibili,vorrei tanto sbagliare ma so che non è così

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    10 Ottobre 2016 - 16:04

    Trovo che "pazzesca" sia il termine giusto per definire la fedina sportiva di Bolt! Come si può credere che una nazione con pochi milioni di abitanti produca in serie fenomeni capaci di stracciare tutti i rivali nelle gare veloci? Prima o poi ci arriveranno a tanarlo, ma prima naturalmente bisogna sfruttare fino in fondo il "fenomeno", che produce miliardi per i media.

    Report

    Rispondi

  • maxmado69

    10 Ottobre 2016 - 12:12

    Bolt è un grandissimo campione, il più grande di sempre probabilmente. Questo premesso se fossi in lui sarei io a restituire l'oro olimpico, proprio per non essere contaminato neanche di striscio dalla macchia del doping di un suo compagno di staffetta. Questa semplice cosa lo lascerebbe del tutto lindo, sarebbe una volta di più d'esempio per tutti gli sportivi, oggi e per sempre.

    Report

    Rispondi

blog