Cerca

Contratti

Inter, la clausola esonero per l'erede di Frank De Boer

Frank De Boer

Suning sbarca in Italia per scegliere il nuovo allenatore dell’Inter. Oggi una delegazione della società cinese arriverà a Milano, in programma ci sono già vari meeting: l’obiettivo è ufficializzare il nome del tecnico entro lunedì. Non ci saranno Thohir né Zhang Jindong, ma da Nanchino dovrebbero muoversi Jun Ren, braccio destro di Zhang, e il figlio del patron di Suning, Steven. Poi partiranno i “provini”, con la scelta che, a meno di ulteriori sorprese, si è ridotta a soli tre nomi: Stefano Pioli, Guus Hiddink e Marcelino Garcia Toral.

Ieri infatti si è tirato fuori anche Andrè Villas Boas, sempre più vicino alla panchina dello Shanghai Sipg. Secondo i bookmakers, il favorito resta il tecnico italiano ex Lazio, scelto da Ausilio e dalla parte italiana della dirigenza, che preferirebbe un allenatore nostrano proprio perché più abituato al campionato di Serie A (seppur i problemi con Candreva in biancoceleste potrebbero pesare). Più indietro restano così Hiddink e l’ex Villareal Marcelino: il primo sponsorizzato direttamente da Suning e abituato a situazioni da traghettatore (vedi Betis e Chelsea), anche se in serata sembravano crescere anche in seno ai cinesi le quotazioni di Pioli; il secondo invece da Kia Joorabchian, che dopo De Boer piazzerebbe un altro suo assistito.

La rosa dei nomi è questa, più defilati gli altri, da Guidolin a Vitor Pereira fino a Bielsa. I rappresentanti di Suning incontreranno Ausilio, Gardini e Zanetti, vertice che servirà a dirimere gli ultimi dubbi. L’obiettivo in fondo è quello di trovare una scelta condivisa, a differenza di quella su De Boer.

Non sarà facile, però. Un po’ perché le tre opzioni sono profondamente diverse fra loro, un po’ perché le idee in società paiono non essere ancora ben chiare. Da un lato infatti la volontà è quella di dare la panchina ad un traghettatore, aspettando magari che per la prossima estate si liberi un big come Simeone (tanto che Suning vorrebbe inserire nel contratto del nuovo tecnico - ancora da trovare - una clausola per l’esonero come aveva De Boer); dall’altro però l’idea è opposta, scegliere uno come Hiddink per tenerlo a lungo. L’ufficialità dovrebbe arrivare dopo la sfida di domenica con il Crotone, quando in panchina al Meazza ci sarà comunque Vecchi. Intanto viene smentito un ruolo strettamente legato alla prima squadra per Walter Samuel: sarà solo un osservatore per il club.

di Matteo Spaziante

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog