Cerca

Alimenti: esperta cuore, piu' che tassa junk food campagna in stile Obama

Salute

0

Milano, 17 apr. (Adnkronos Salute) - "In linea di principio è giusto tassare il junk food. E' come la tassa sul fumo: non è una cosa indispensabile e tutto quello che non lo è potrebbe in teoria essere tassato, ma si solleverà l'ira di tutte le parti chiamate in causa. Forse è più efficace una campagna di responsabilizzazione delle madri e dei ragazzi, che insegni a mangiare bene, senza esagerare e con uno stile di vita attivo e adeguato". Lidia Rota Vender, presidente dell'Associazione per la lotta alla trombosi (Alt) e responsabile del Centro trombosi dell'Istituto clinico Humanitas di Rozzano (Milano) esprime dubbi sui margini di realizzazione di una tassa sul junk food equa e completa.

"Tassare il junk food - spiega all'Adnkronos Salute - sarà anche giusto. Ma si pone un problema: come lo definisco il junk food? Lo devo fare nei suoi componenti. Per esempio anche i cibi conservati rientrerebbero sotto questa voce, perché per definizione contengono qualcosa di artificiale che potrebbe essere dannoso. E dopo la tassa sul superalcolico scatterà quella sull'alcolico in generale. E sul vino, perché no? Secondo me non è tanto questo su cui ci si deve concentrare", riflette commentando le notizie sul piano anti obesità in cantiere e l'ipotesi del ministero della Salute di una tassa sul junk food. Secondo i progetti si potrebbe partire prima con superalcolici, succhi e bevande gassate.

Ma per l'esperta più che tasse e gabelle ci vorrebbe una Michelle Obama anche per l'Italia. "Credo - osserva - che sia importante quello che ha fatto Mrs Obama negli Usa. Ha lanciato per esempio una campagna che si chiama 'My plate' che ha come icona un piatto suddiviso nelle quattro principali famiglie di alimenti, proprio per insegnare anche visivamente quale deve essere la proporzione. E soprattutto si è messa in gioco in prima persona".

Dove è possibile, continua, "bisogna prevenire". Sulle strategie il dibattito è aperto da tempo, anche a livello europeo: "In qualità di presidente di Alt partecipo a un gruppo internazionale europeo che si chiama 'European Hearth Network' in rappresentanza del nostro Paese e questo tema lo stiamo trattando ormai da diversi anni. Ci sono approcci un po' diversi. Uno è quello dei 'nordici' che sono un po' più categorici e punitivi e avevano chiesto che si facesse addirittura una legge sulle etichette e che queste segnalassero le proprietà degli alimenti con un semaforo rosso, verde e giallo. Secondo me questo non potrà mai passare, anche perché la lobby delle aziende alimentari è certamente più potente della lobby delle associazioni", riflette Rota Vender.

Ecco perché, conclude, "mettersi attorno a un tavolo e trovare delle soluzioni è l'unica via. Non bisogna vivere come i santi per poter restare sani, ma avere un corretto stile di vita e non esagerare. Oggi consumiamo troppo sale e troppi grassi, ci muoviamo troppo poco per il fatto che la nostra vita è più sedentaria. Ci sono alcune cose che dobbiamo decisamente cambiare".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media