Cerca

NUOVI TRATTAMENTI FARMACOLOGICI

Emofilia B, eftrenonacog alfa
sarà rimborsato anche in Italia

0

Una notizia importante per i malati di emofilia B: eftrenonacog alfa (Alprolix), un fattore IX umano ricombinante con tecnologia di fusione Fca ad emivita prolungata per il trattamento dell’emofilia B è stato finalmente approvato per il rimborso in Italia. L’approvazione è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale Italiana con determina n. 196/2017. Notizia importante soprattutto perché al momento è l’unica terapia a base di fattore IX ricombinante con tecnologia di fusione Fc approvata per il rimborso in Italia per il trattamento dell’emofilia B.

“L’approvazione per il rimborso del farmaco della Sobi è un traguardo importante per le persone che vivono con l’emofilia B in Italia – ha detto Alessandra Antonello, direttore medico di Sobi Italia – che possono ora trarre beneficio da una terapia che può offrire l’opportunità di una protezione prolungata dai sanguinamenti, assieme ad una riduzione delle infusioni”. Il nuovo farmaco è indicato sia per il trattamento on demand che per la profilassi in pazienti con emofilia B trattati in precedenza. In regime di profilassi, il dosaggio iniziale raccomandato è di 50 UI/Kg ogni sette giorni o di 100 UI/Kg ogni dieci giorni, con la possibilità di regolare l’intervallo in base alla risposta individuale.

“Sobi si impegna a sviluppare terapie innovative e a renderle disponibili per migliorare la vita dei pazienti affetti da malattie rare – ha detto Sergio Lai, general manager di Sobi Italia – Ora il nostro obiettivo principale è assicurare ai pazienti di ogni parte d’Italia un accesso tempestivo e sostenibile a questa nuova opportunità terapeutica”. Alprolix è già stato approvato per il trattamento dell’emofilia B negli Stati Uniti nel marzo 2014 e nell’Unione Europea nel maggio 2016. (MARTINA BOSSI)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media