Cerca

ONE HEALTH

Abuso di antibiotici e ‘fai-da-te’
ecco come nascono i superbatteri

Contro l’antibiotico-resistenza - uno dei big killer del futuro - il Gruppo italiano per la stewardship antimicrobica (Gisa) ha presentato un decalogo che definisce le azioni prioritarie

0
Abuso di antibiotici e ‘fai-da-te’ecco come nascono i superbatteri

Arginare il fenomeno dell’antibiotico-resistenza e farlo nel più breve tempo possibile. Questo è l’obiettivo del primo 'Decalogo per il corretto uso degli antibiotici e per il contenimento delle resistenze batteriche in Italia', presentato pochi giorni fa a Roma nella sede del Ministero della salute. È stato presentato e realizzato dal Gruppo italiano per la stewardship antimicrobica (Gisa) per una governance complessiva delle infezioni multi-resistenti, in armonia con l’approccio Onehealth, recentemente approvato a livello europeo e italiano quale strategia globale che interconnette la tutela della salute umana, animale e ambientale. Erano presenti i maggiori esperti e le istituzioni a livello nazionale, oltre a rappresentanti dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, (Ocse) del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) e della Food and agriculture organization of the united nations (Fao).

La situazione dell’antibiotico-resistenza in Europa è molto preoccupante: ogni anno si verificano 4 milioni di infezioni da germi antibiotico-resistenti che provocano più di 37 mila morti. In Italia il livello di antibiotico-resistenza (fonte Istituto superiore di sanità) si colloca fra i più elevati in Europa con una percentuale annuale di pazienti infetti fra il 7 e il 10 per cento. Le infezioni contratte in ospedale colpiscono circa 300mila pazienti e causano una mortalità che si aggira fra i 4.500-7mila casi. Quanto alle stime future, si prevede che nel 2050 le infezioni batteriche da germi multiresistenti possano causare circa 10 milioni di morti – superando i decessi per tumore – e con costi esorbitanti per i sistemi sanitari di tutto il mondo.

Cosa fare allora per arginare questa piaga sempre più dilagante? “Innanzitutto –afferma Francesco Menichetti, presidente di Gisa e direttore dell’unità operativa di malattie infettive dell’Azienda ospedaliera universitaria pisana – bisogna partire dalla causa principale del fenomeno dell’antibiotico-resistenza, ossia l’uso inappropriato di antibiotici spesso dovuto anche alle cure-fai-da-te. D’altro lato nei pazienti più a rischio si dovrebbe ricorrere alla terapia antibiotica più appropriata adottata nel minor tempo possibile, per ottimizzare l’impatto terapeutico, limitando l’insorgenza di resistenze. “Sicuramente – continua Menichetti – è necessario sensibilizzare i tecnici e le istituzioni affinché il problema delle resistenze batteriche riceva la dovuta attenzione e l’adeguata allocazione di risorse. È altresì importante sensibilizzare l’opinione pubblica spiegando quanto possano essere dannose pratiche come l’autoprescrizione e l’automedicazione, da noi così tanto in voga, così come la durata del ciclo terapeutico affidata al libero arbitrio. Sta ai medici, ovviamente, valutare caso per caso l’opportunità e l’utilità di ricorrere a questi farmaci. Ricordiamo che gli antibiotici sono dei veri e propri baluardi salva-vita e che la loro efficacia può essere compromessa da un uso inappropriato, che non produce benefici ma induce solo resistenze.”

Quali sono dunque i pilastri del Decalogo Gisa? “L’idea di una specifica ‘guida’ che definisca le azioni prioritarie e che contribuisca a trasformare i buoni propositi, scritti e ben noti, in realtà consolidata, ci è sembrato lo strumento migliore per uscire dallo stallo e sollecitare l’attenzione dei medici, ma anche delle persone comuni, che devono porre più attenzione nell'assunzione degli antibiotici". Il Decalogo Gisa promuove azioni dirette alla prevenzione primaria e secondaria delle infezioni, (vaccini e profilassi antibiotica); azioni dirette al controllo della diffusione della resistenza antimicrobica (infection control); azioni dirette al contenimento dell’uso degli antibiotici negli animali (approccio One-health) ed al loro buon uso nell’uomo (antimicrobial stewardship). "L'utilizzo degli antibiotici nel settore zootecnico è utile per controllare le malattie infettive, garantire livelli adeguati di benessere animale e di qualità nelle produzioni alimentari di origine animale, ma questo, come ben sappiamo, incide anche sull'uomo e di conseguenza sulla salute pubblica – conclude Menichetti – La legislazione europea è molto restrittiva, ma non è così però a livello mondiale. Per questo è necessaria un'azione condivisa. Oggi la presenza delle istituzioni, ma anche dei rappresentanti dell’Ocse, del Ecdc e della Fao va proprio nella direzione di promuovere azioni che siano congiunte, in un'ottica di approccio globale". (MATILDE SCUDERI)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media