Cerca

LA MALATTIA DELLE VETRINE

L’arteriopatia ostruttiva periferica
colpisce un sessantenne su cinque

Gli individui che ne soffrono hanno un rischio relativo di infarto del miocardio aumentato di almeno cinque volte e di 2-3 volte del rischio di ictus o di mortalità totale

15 Febbraio 2018

0
La dottoressa Adriana Visonà

La dottoressa Adriana Visonà

«La nostra è la società clinica in Italia che si occupa delle malattie vascolari ‘a tutto tondo’ – spiega la dottoressa Adriana Visonà, presidente uscente della Società di Angiologia e Patologia Vascolare (Siapav) in occasione del 39° Congresso Nazionale della società scientifica appena conclusosi  a Roma – ovverosia si occupa di arteriopatie, tromboembolismo venoso, malattie arteriose infiammatorie e malattie dei linfatici, oltre a considerare gli aspetti metabolici e tutti i fattori di rischio per le malattie vascolari». L’arteriopatia ostruttiva periferica (AOP) nonostante la sua gravità, è poco riconosciuta. «È un tema che ci preoccupa molto – afferma Visonà – perché le AOP nell’ambito delle malattie vascolari sono molto diffuse. Si calcola che intorno al 60-65 anni una persona su 5 abbia questa patologia che può diventare invalidante: il paziente fa fatica a camminare o addirittura arriva a non riuscire a riposare la notte perché ha dolore o ulcere che possono portare anche all’amputazione. Anche quando le forme sono più lievi questa malattia comporta un alto rischio di mortalità cardiovascolare. Si tratta di una patologia molto comune ed è una manifestazione di aterosclerosi sistemica, generalmente è causata da un’ostruzione aterosclerotica delle arterie degli arti inferiori. È una patologia che aumenta con l’età e con l’esposizione a fattori di rischio noti come: diabete, ipertensione, ipercolesterolemia, fumo, e così via. La manifestazione clinica più comune è la Claudicatio Intermittens che condiziona fortemente la qualità della vita dei pazienti e la loro capacità funzionale. Inoltre gli individui con AOP soffrono di un rischio relativo di infarto del miocardio aumentato di 5 volte e di 2-3 volte il rischio di ictus o di mortalità totale rispetto a individui senza AOP».

“Il tromboembolismo venoso (TEV) invece rappresenta una delle più importanti cause di morbilità e mortalità nei pazienti con cancro e le manifestazioni cliniche più comuni sono la trombosi venosa profonda (TVP) e l’embolia polmonare (EP) - ricorda la professoressa Adriana Visonà - L’associazione tra malattia neoplastica e trombosi, appare avere un duplice significato. Infatti, non solo gli eventi trombotici possono essere una complicanza frequente nelle neoplasie ma i meccanismi di attivazione della coagulazione possono anche interferire con la crescita e la metastatizzazione del tumore. Oltre ad avere un rischio maggiore di sviluppare TEV, i pazienti con tumore hanno anche un maggior rischio di avere recidive di trombosi e complicanze emorragiche – continua Visonà – La trombosi può anche essere una delle prime manifestazioni cliniche di un tumore occulto e, anche in assenza di una trombosi manifesta, i pazienti oncologici mostrano diverse anomalie nei test di ‘routine’ della coagulazione, facendo sospettare una condizione di ipercoagulabilità”. Un ruolo importante nella patogenesi dello stato di ipercoagulabilità presente nelle neoplasie è attribuito alle proprietà protrombotiche delle stesse cellule tumorali.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media