Cerca

RIMANETE ATTIVI

Fare sport avendo una protesi?
"Sì, perché il corpo non ha limiti"

Bicicletta, nuoto, ballo da sala, tiro con l’arco, golf: per chi ha subìto un intervento protesico sono molte le possibilità per fare attività. L’importante è seguire le direttive degli esperti

11 Aprile 2018

0
Professor Marco Maiotti

Professor Marco Maiotti

Grazie alle moderne tecniche di chirurgia chi subisce interventi ortopedici importanti non solo non deve rinunciare allo sport, deve sforzarsi di praticarlo anche se con un po’ più di attenzione: bisogna infatti scongiurare le problematiche relative all’usura degli inserti in polietilene e alla mobilizzazione dei materiali che compongono la protesi, che potrebbero subire traumi e microtraumi da ‘contatto’ a seguito di un’attività fisica cosiddetta ‘ad alto impatto’. Per prevenire danni basta farsi seguire da un buon fisioterapista e preparatore atletico.

Le protesi di spalla. “Esistono due tipologie di protesi di spalla: protesi totale (anche detta artroprotesi) e protesi parziale (endoprotesi) - spiega Marco Maiotti, primario dell’unità operativa complessa di medicina e traumatologia dello sport presso l’azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma, specialista in ortopedia e medicina dello sport - L’attività fisica, come conferma uno studio American shoulder and elbows surgeons (Ases) è consigliata in quasi tutti i casi: in particolare, il 100 per cento dei chirurghi consiglia sport a basso impatto (bicicletta; passeggiate; esercizi aerobici), l’81 per cento a medio impatto (nuoto, bowling) e il 51 per cento dei chirurghi sconsiglia attività ad alto impatto”. L’indagine è stata effettuata intervistando 310 chirurghi esperti relativamente alle attività consentite dopo l’impianto di una protesi di spalla e prendendo in esame 105 pazienti con protesi totale (età media 72 anni): 62 hanno praticato sport nei 5 anni precedenti l’intervento, 48 avevano smesso per problemi alla spalla, 60 dei 62 pazienti hanno ripreso a fare sport dopo l’intervento. Stando ai dati Riap – Progetto italiano artroprotesi 2017, considerando che gli interventi di artroprotesi della spalla, sia totale sia parziale, sono cresciuti nel 2015 - 7.187 rispetto ai 6.588 del 2014, con un aumento del 9 per cento che interessa anche le classi di età meno anziane - e che il problema interessa soprattutto le donne - 71,7 per cento dei ricoveri - soggette più degli uomini a osteoporosi e aumento del peso a seguito di menopausa, è evidente quanto sia fondamentale promuovere l’attività fisica in soggetti con protesi di questo tipo.

Le protesi di ginocchio. I vantaggi della pratica sportiva costante per la prevenzione di malattie metaboliche, cardiovascolari e per mantenere una qualità della vita elevata, sono oggi universalmente riconosciuti anche nei pazienti sottoposti ad interventi di chirurgia protesica al ginocchio, procedura chirurgica d’elezione, con ospedalizzazione tradizionale, al momento più eseguita negli Stati Uniti. In Italia, si effettuano ogni anno circa 45 mila interventi di questo tipo, con un tasso di crescita medio per anno che si aggira intorno al 7 per cento. “Esistono differenti tipologie di protesi di ginocchio: monocompartimentali, bicompartimentali e totali - spiega Carlo Massoni, chirurgo ortopedico unità operativa complessa di medicina e traumatologia dello sport, azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma - Le prime e le seconde sono quelle che offrono le maggiori possibilità di ritorno all’attività sportiva e, ovviamente, rappresentano la scelta d’elezione nei pazienti normopeso con artrosi limitata a un solo o due compartimenti, assenza di importanti deviazioni assiali e lassità legamentose del ginocchio”. I vantaggi connessi alla mini-invasività dell’intervento e alla conservazione delle strutture legamentose e sensoriali del ginocchio permettono la ripresa dell’attività sportiva dopo sei mesi dall’intervento. “Questa attività, se il paziente rispetta delle indicazioni e dei limiti precisi, non sembra ridurre la percentuale di sopravvivenza dell’impianto che, a dieci anni è stimata intorno al 90 per cento. Tra le attività sportive raccomandate, sia nei pazienti con protesi monocompartimentale che totale, ci sono la bicicletta, il nuoto, il ballo da sala, il tiro sportivo e il golf. Tra quelle raccomandate ai soggetti esperti in queste discipline, le attività aerobiche a basso impatto, il ciclismo, il bowling, il canottaggio, il trekking, l’equitazione, lo sci di fondo e la scherma” conclude Massoni. (MATILDE SCUDERI)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media