Cerca

FARMACI

Psoriasi da moderata a grave
disponibile una nuova terapia

Approvato in regime di rimborsabilità dall’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), apremilast è finalmente disponibile per i pazienti adulti non trattabili con altre terapie sistemiche

1 Giugno 2018

0
Psoriasi da moderata a gravedisponibile una nuova terapia

L’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha approvato la rimborsabilità di apremilast nell’indicazione della psoriasi cronica a placche nei pazienti adulti, rendendo quindi disponibile un’ulteriore opzione terapeutica per il 25-30 per cento delle persone con psoriasi. Le indicazioni sono più precisamente per la psoriasi cronica a placche da moderata a grave, in pazienti adulti che non hanno risposto, che hanno una controindicazione o che sono intolleranti ad altra terapia sistemica comprendente ciclosporina, metotrexato o psoralene e raggi ultravioletti di tipo A (Puva) e nei quali l’uso dei farmaci biologici sia controindicato o non tollerato. Apremilast è già rimborsato in Italia per il trattamento dell’artrite psoriasica attiva in pazienti adulti che abbiano risposto in modo inadeguato, o siano risultati intolleranti alla terapia con almeno due disease modifying antirheumatic drugs (Dmards) convenzionali e nei quali l’uso dei farmaci biologici sia controindicato o non tollerato.

il 2,8 per cento della popolazione italiana soffre di questa patologia cutanea infiammatoria immunomediata ad andamento cronico recidivante la cui genesi multifattoriale è imputabile, tra gli altri, a fattori genetici, ambientali ed immunologici. La malattia insorge prevalentemente in due fasce di età, precoce (20-30 anni) e tardiva (50-60 anni), e con incidenza in uguale proporzione nei due sessi. Dal punto di vista clinico la psoriasi si manifesta con placche eritemato-squamose localizzate principalmente su superfici estensorie di gomiti e ginocchia, regione lombo-sacrale, cuoio capelluto e regioni palmo-plantari. “Le manifestazioni cliniche della psoriasi possono variare ampiamente tra i pazienti a causa di diversa età di insorgenza, tipi di sintomi, aree di coinvolgimento, comorbidità e gravità della malattia – spiega il professor Giampiero Girolomoni, direttore unità operativa complessa dermatologia, ospedale universitario di Verona - pertanto la scelta del trattamento dovrebbe essere personalizzata in base alle esigenze specifiche dei pazienti al fine di ottimizzare il risultato”.

Apremilast è un inibitore della fosfodiesterasi 4 (Pde4) e rappresenta il primo di una classe di farmaci orali con un nuovo meccanismo di azione per il trattamento della psoriasi a placche da moderata a grave. “Apremilast è un inibitore efficace e ben tollerato della Pde4 – continua Girolomoni - grazie alla sua formulazione orale, profilo di sicurezza favorevole, mancanza di screening obbligatorio e di monitoraggio dei parametri di laboratorio in corso di terapia, efficacia nelle aree difficili come unghie, cuoio capelluto, regioni palmoplantari, e al rapido miglioramento del prurito, rappresenta un’opzione terapeutica rilevante nel trattamento della psoriasi cronica a placche da moderata a severa”.

I risultati degli studi di fase III, in doppio cieco, ‘Efficacy and safety trial evaluating the effects ofapremilast in psoriasis (Esteem)’ 1 e 2, hanno infatti dimostrato l’efficacia di apremilast nel ridurre la gravità della psoriasi a placche a 16 settimane, con risposte mantenute fino a 52 settimane, nel trattare aree difficili quali cuoio capelluto, unghie, superfici palmoplantari e nel controllare prurito e artrite psoriasica. “La psoriasi è una malattia sistemica che non coinvolge solo la pelle eha un forte impatto sulla qualità di vita di chi ne è affetto – afferma Jean Yves Chatelan, amministratore delegato di Celgene Italia – Apremilast, finalmente rimborsato anche dal Ssn italiano per il trattamento di tale patologia, offre un’ulteriore opzione terapeutica in grado di ridurre in misura clinicamente significativa la sintomatologia e garantire migliore qualità di vita ai pazienti, finalità da sempre al centro del nostro impegno”. (MATILDE SCUDERI)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media