Cerca

MOTORE SANITÀ

Diminuire la mobilità 'passiva'
con la rete oncologica pugliese

il punto all'incontro organizzato da Motore Sanità a Bari, presso l'Istituto Tumori Giovanni Paolo II IRCCS, con la partecipazione di tutti gli attori del sistema, il supporto non condizionato di Bristol-Myers Squibb

6 Luglio 2018

0
Diminuire la mobilità 'passiva'con la rete oncologica pugliese

Creare le condizioni favorevoli per la presa in carico del paziente sin dal sospetto diagnostico, tracciando da subito il miglior percorso terapeutico per ridurre la mobilità passiva per le malattie oncologiche. I pazienti hanno spesso un’immotivata sfiducia nella Regione anche non conoscendo le possibilità di cura presenti nel proprio territorio, cominciando proprio dai centri di riferimento per le quattro principali patologie tumorali e cioè tumore del seno, del polmone, della prostata e del colon retto. Con questo obiettivo lo scorso 28 marzo la Regione Puglia ha formalizzato la nascita della rete oncologica, pensata con il compito di implementare progetti di screening e la formulazione di indicatori con verifica periodica, al fine di valutare i progressi assistenziali per cui la Regione Puglia ha formalizzato l’istituzione della rete stessa. Di questo si è parlato all’evento ‘Rete Oncologica in Puglia - Come ridurre la mobilità passiva’, in corso oggi a Bari, presso l'Istituto Tumori Giovanni Paolo II IRCCS, organizzato da  Motore Sanità con il supporto non condizionato di Bristol-Myers Squibb, che ha vede la partecipazione di esperti del Servizio sanitario regionale ed extra regionale. Per coordinare al meglio i centri oncologici esistenti, è indispensabile un approccio multidisciplinare che veda la partecipazione attiva di tutti gli attori del sistema coinvolti, a partire dagli oncologi, i chirurghi, i radioterapisti, i servizi di diagnostica, la riabilitazione e la psico-oncologia, senza dimenticare il medico di medicina generale  (Mmg) primo baluardo a supporto del paziente. Per fare tutto ciò è necessaria una rete diffusa nel territorio che garantisca cure adeguate ai cittadini perché, come dichiara Gianni Amunni, direttore generale dell’Istituto per lo Studio, la Prevenzione e la Rete Oncologica (ISPRO) Regione Toscana, secondo il quale "il modello a Rete è quello più efficace per rispondere ai bisogni dei pazienti oncologici. ‘Rete’ significa accessi diffusi nel territorio, omogeneità delle cure, utilizzo governato dell'alta specializzazione e della innovazione. Rete significa tenere insieme in una squadra tutte le attività oncologiche del territorio regionale, favorendo la collaborazione tra strutture diverse con l'obiettivo di garantire una presa in carico efficace e di qualità. Rete significa dare sicurezza al paziente di cure aggiornate, condivise da tutti gli operatori che rispondono ad una regia unitaria dei percorsi".

Salvatore Pisconti, coordinatore operativo DIOnc Jonico-Adriatico racconta come “la mobilità passiva per le malattie oncologiche possa essere ridotta creando le condizioni ottimali per la presa in carico del paziente sin dal sospetto diagnostico. Di fondamentale importanza è tracciare da subito il percorso diagnostico-terapeutico assistenziale (Pdta). I Gruppi di patologia rappresentano un altro importante strumento indispensabile per garantire l'ottimizzazione del risultato sperato. L'Azienda sanitaria deve, inoltre, adottare ogni sforzo utile al fine di creare i Pdta per le principali patologie tumorali formulati in ambito regionale. Indispensabile, inoltre, è l’individuazione di centri regionali di riferimento di secondo livello”.

Gaetano Di Rienzo, coordinatore operativo DIOnc Salentino, tiene a precisare quanto il programma della Rete Oncologica Pugliese sia un progetto ambizioso, che mette il paziente oncologico al centro di un modello organizzativo completamente innovativo rispetto al passato, “il razionale è quello di prendere in carico e seguire il paziente dallo screening alla diagnosi e ai vari trattamenti integrati di cui può aver bisogno. Il Dipartimento dell’Area Vasta del Salento (ASL Lecce + Ente Ecclesiastico Ospedaliero di Tricase) sta attivando il processo organizzativo della Rete Oncologica condiviso con l’Unità di Coordinamento Regionale e con gli altri tre Dipartimenti Integrati di Oncologia della Regione Puglia”.

In Campania ad esempio sta implementando l’attività della neonata rete oncologica, spiega Gerardo Botti, direttore scientifico INT IRCCS Pascale di Napoli, sottolineando come “oltre alla formulazione progressiva in primis dei Pdta dei quattro principali tumori che colpiscono la popolazione, cioè il tumore mammario, del polmone, della prostata e del colon retto, la Regione Campania intende integrare le differenti strutture oncologiche presenti sul territorio, creando una ‘osmosi assistenziale’, finalizzata alla possibilità che tutti i cittadini possano beneficiare del miglior trattamento allo stato disponibile per il paziente oncologico. I Gruppi oncologici multidisciplinari (Gom), che rappresentano il braccio operativo dei Pdta, saranno costituiti non solo dagli specialisti appartenenti all’ambito squisitamente assistenziale, ma anche dai professionisti dedicati prevalentemente alla ricerca clinica, elemento fondamentale per un’offerta assistenziale al passo con i progressi sempre più rapidi dell’oncologia”. (FABRIZIA MASELLI)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media