Cerca

Boom di casi

Paura per l'arrivo in Europa del virus Zika. Donne incinte e bimbi, rischio pandemia

Paura per l'arrivo in Europa del virus Zika. Donne incinte e bimbi, rischio pandemia

In Brasile sono stati segnalati 2.975 casi sospetti di microcefalia nei neonati, che possono essere stati causati da infezione da virus Zika. Il Paese ha dovuto affrontare un aumento repentino e improvviso di casi di microcefalia, una condizione in cui un bambino nasce con un cranio più piccolo del normale, con gravi conseguenze. I medici dello stato nord-orientale di Pernambuco hanno cominciato a collegare l'insolito aumento dei casi di microcefalia con il virus Zika e hanno scoperto che molte delle madri di bimbi nati microcefali erano state infettate dal virus nelle prime fasi della gravidanza.

Secondo il Ministero della Sanità, ci sono casi sospetti di microcefalia in 656 città in 20 dei 27 stati del Brasile. Il governo sta anche esaminando la morte di 40 bambini nati microcefali. Il virus Brasile Zika viene trasmesso dalla zanzara Aedes aegypti, e ha sintomi simili alla febbre dengue.

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), riporta il Corriere, ha pubblicato a dicembre un aggiornamento della valutazione del rischio sulla trasmissione dell'infezione in Unione europea e sui viaggi in zone endemiche. Dal documento emerge che il rischio di casi di importazione nella Ue è in aumento, mentre il rischio di trasmissione locale, nonostante la presenza della zanzara vettore, è estremamente basso durante la stagione invernale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ariete84

    02 Gennaio 2016 - 14:02

    E gli ultimi casi in Italia, di morti di donne incinte con febbre alta, apparentemente inspiegabili, non potrebbero essere collegate a questi virus?

    Report

    Rispondi

blog