Cerca

Nuove regole

Olio di oliva, via l'obbligo di data di imbottigliamento dall'etichetta: ora c'è un grosso rischio

Olio di oliva, via l'obbligo di data di imbottigliamento dall'etichetta: ora c'è un grosso rischio

Da oggi non c'è più l'obbligo di indicare sull'etichetta la data di imbottigliamento dell'olio di oliva e la conseguente scadenza a 18 mesi. L'approvazione alla Camera del disegno di legge europea 2015-2016, spiega Elia Fiorillo, coordinatore del settore olivicolo dell'Alleanza delle Cooperative Italiane, "ci impone di ragionare, ancora una  volta, sul futuro dell'olivicoltura italiana. L'eliminazione dell'obbligo "da un lato può far pensare ad una poca attenzione del diritto di informazione del consumatore, dall'altra chiama ad una maggiore responsabilità gli operatori del settore che comunque non potranno esimersi dai controlli".

Il pericolo nascosto - Sarà inoltre necessario, secondo Fiorillo, "vigilare per evitare che gli operatori utilizzino questo escamotage per smaltire l'olio vecchio". "Una valutazione prudente - afferma - ci è imposta dalla necessità di una più approfondita analisi delle norme e dell'impatto che avranno". Resta poi "il fatto inconfutabile che, al di là delle pur indispensabili norme a tutela dei consumatori, c'è la necessità che il consumatore venga formato con iniziative ad hoc che gli diano gli strumenti conoscitivi per apprezzare gli olii di alta qualità", sottolinea Fiorillo che auspica che "la politica nazionale lavori a tutela delle produzioni più importanti del made in Italy e che sia mantenuta alta l'attenzione verso i consumatori".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlozani

    03 Luglio 2016 - 09:09

    Questi sono i vantaggi che ci danno quelle teste di cazzo della Ue da noi pagati ,per favorire le industrie del settore e poi se ne fanno meraviglia che gli inglesi li abbiano inc....i.

    Report

    Rispondi

  • claudionefi

    03 Luglio 2016 - 09:09

    Ma cosa ha bevuto la Fiorillo??? In che mondo vive????? Vorrebbe far credere che gli operatori del settore al l'eliminazione di un obbligo/adempimento normativo, saranno maggiormente responsabili???? L'esempio della mozzarella di bufala campana non basta????? Questi, se li deregolamenti, ti vendono anche l'olio di topo morto !!!! È nella natura umana, fottere chi gli sta vicino, a maggior ragione se più debole !!

    Report

    Rispondi

  • Angeli1951

    02 Luglio 2016 - 20:08

    Un parlamento folle approva una demente norma di burocrati che ormai nessuno vuole più. Oppure un parlamento corrotto.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    02 Luglio 2016 - 18:06

    Se non c'è l'obbligo vuol dire che chi indicherà la scadenza e chi no. Ma siamo noi che dobbiamo dettare legge: non compriamo l'olio dove non è indicata la scadenza!!!!!!Altrimenti stiamo zitti e subiamo. Io non lo comprerò.

    Report

    Rispondi

blog