Cerca

The Sims filo-gay, i cattolici: "Vietiamolo ai bimbi"

Polemica sul videogioco-cult. Giovanardi: "Ci sono lobby che spingono i figli all'omosessualità" / DITE LA VOSTRA

The Sims filo-gay, i cattolici: "Vietiamolo ai bimbi"
Un mondo virtuale, in cui sono possibili sia unioni eterosessuali che gay, dove anche le famiglie omo possono adottare bambini. Questo, e non solo questo, è The Sims, videogioco EA Games che consente di creare un avatar con cui mettere in scena una seconda vita, nella quale magari osare quello che non mondo reale non si farebbe. Ma il fronte cattolico n0n ci sta e denuncia: "The Sims promuove famiglie, matrimoni e adozioni gay. Per questo non va venduto minorenni". Lo chiede l'europarlamentare Udc, Carlo Casini, leader del Movimento per la Vita, e subito la sua proposta ha incontrato il sostegno di tutto il fronte cattolico.

CASINI: "L'ETEROSESSUALITA' E' LA REGOLA" - "E' inaccettabile - spiega Casini- che un videogioco che entra nelle case di milioni di italiani permetta ad un bambino di 6-7-8 anni  di creare una coppia gay, che può anche adottare bambini. Questi videogiochi sono molto pericolosi, minacciano l’educazione di un bambino, la loro diffusione ha risvolti di carattere igienico-sanitario. Lo sviluppo della sessualità di un adolescente presenta inizialmente aspetti di omosessualità e bisessualità, che poi si armonizzano e l’eterosessualità diventa la regola". "Questi videogiochi - continua Casini, ospite della trasmissione KlausCondicio di Klaus Davi - intervengono in quel momento di sviluppo parziale, in cui è normale che ci siano tendenze omosessuali che   rischiano di essere fissate. Questo è un modo per fissare l'omosessualità".

GIOVANARDI : "LOBBY CHE SPINGONO L'OMOSESSUALITA'" - Dello stesso parere si mostra anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla Famigla Carlo Giovanardi: "E' evidente che siamo davanti a una  grande campagna promozionale delle lobby che vogliono promuovere certi valori". "Questo - si   legge in una nota - non avviene solo con videogiochi come The Sims ma anche con libri destinati ai bambini che invece di proporre una famiglia con papà e mamma ne propongono una di un papà con un papà.  Queste lobby promuovono una cultura in contrasto con le leggi di un paese, come nel caso del matrimonio gay che da noi non è consentito".

AIART: "COSì SI DEVIANO I BAMBINI" -  Concorde infine l’associazione di telespettatori cattolici Aiart, che nelle parole del suo predidente Luca Borgomeo denuncia i rischi connessi all'uso di The Sims: "Il videogioco è un pericolo per il corretto sviluppo della personalità dei  bambini. Attraverso questo strumento si rischia di fare passare una visione fuorviante di famiglia. Per questo - spiega Borgomeo - ci uniamo a coloro che ne   vorrebbero vietare la vendita agli adolescenti”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GMTubini

    17 Maggio 2011 - 13:01

    Mettiamo un bel distributore di "pornazzi" in ogni scuola della Repubblica! Poi vediamo chi ha il coraggio di dire che il "bunga bunga" non si fa!

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    17 Maggio 2011 - 13:01

    Sulla sessualità e su come si manifesta sarebbe il caso che si informasse un po' meglio.

    Report

    Rispondi

  • gustavo dandolo

    17 Maggio 2011 - 12:12

    ma io non riesco a capire dove vivano i cattolici mi spiego : la sessualità non si decide alla pari non so della scuola da seguire per definire cosa farò da grande la sessualità è un istinto e un'adolescente che comincia a sentire i richiami del sesso non è che sceglie o è attratto dalle donne o dagli uomini o da entrambi quindi razionalizzare una questione così sulla base di un condizionamento psicologico indotto da un videogames mi sembra oltremodo ridicolo oppure per l'ennesima volta si vuole sconfessare la scienza che in materia si è già espressa abbondantemente e in modo inequivocabile!?!?!?!?! io stesso ero adolescente proprio nell'epoca dell'esplosione dell'omosessualità con renato zero a guidare la carica ho e ho avuto amici gay ma ciò non mi ha assolutamente impedito di seguire il mio istinto ovvero l'eterosessualità insomma in poche parole alla chimica non si comanda nemmeno con la fede basta guardare coloro che ne fanno rinuncia al sesso ufficialmente poi sotto sotto........

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    16 Maggio 2011 - 23:11

    L'Italia,è l'Iran dell'Unione Europea...Il "governo" è formato da orribili vecchiacci genuflessi ai pedofili del VatiCancro che condannano l'omosessualita' ,e praticano la pedofilia. In fondo l'esempio viene dal nostro presidente del consiglio che "bunga-bunga" con le minore, e clandestine per giunta... Che voglia di colpo di stato !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog