Cerca

Caso Yara

Yara, Massimo Bossetti voleva suicidarsi: la moglie lo tradiva

Yara, Massimo Bossetti voleva suicidarsi: la moglie lo tradiva

Emergono nuovi inquietanti particolari sul passato e sulla vita privata di Massimo Bossetti, il solo accusato per l'omicidio di Yara Gambirasio in carcere dal giugno 2014. L'uomo, si è scoperto, ha minacciato di suicidarsi a causa dei tradimenti della moglie. Una storia di infedeltà, dunque, di gelosia e di minacce.  In base a quanto ricostruito negli atti dell'inchiesta, all'inizio del 2000 Bossetti ebbe un periodo di crisi con la moglie Marita Comi. Dietro alla crisi, come detto, ci sarebbe proprio stato un tradimento della donna. Il muratore bergamasco era disperato, tanto da chiudersi in un container, dove piangeva a lungo. L'uomo - rivela con un'anticipazione il settimanale Panorama - minacciava di buttarsi dal ponte di Sedrina. Secondo gli inquirenti, questo tassello relativo al passato di Bossetti, potrebbe essere una ragione che avrebbe spinto l'uomo a uccidere Yara Gambirasio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • afadri

    27 Giugno 2015 - 17:05

    ...ma adesso ditemi voi un marito tradito...avrebbe come motivo valido uccidere una ragazzina. Ma state scherzando con notizie del genere o semplicemente dovete riempire gli spazi del giornale. Per favore basta, siate più seri.

    Report

    Rispondi

  • ilparallelo

    07 Marzo 2015 - 09:09

    per me é una storia inventata e non c'é niente di vero. Non é morto nessuno e non é stato arrestato nessuno. tutto questo viene detto per fare pubblico e vendere giornali e riviste di ogni genere. Non Posso credere che in Italia si possa finire in carcere senza uno straccio di prova, e che ci siano magistrati così. Questo é il modo semplice per frenare le risate irrispettose su questo argomento

    Report

    Rispondi

    • Raoul Pontalti

      08 Marzo 2015 - 23:11

      Le prove ci sono e hanno passato il vaglio di quattro giudizi espressi da tre diversi organi giudicanti improvvidamente aditi dalla difesa. Gravissimi i giudizi del Riesame e della Cassazione per essere organi collegiali che in pratica hanno espresso dei "pre-giudizi" , ossia giudizi anticipati esiziali per il prosieguo dell'iter processuale dell'indagato.

      Report

      Rispondi

  • ilparallelo

    07 Marzo 2015 - 09:09

    mi vergogno di tutto questo! Sapete cosa dicono di noi e della nostra magistratura in questi casi? Ridono a crepapelle.

    Report

    Rispondi

  • ilparallelo

    07 Marzo 2015 - 09:09

    Povero Bossetti; Povera Yara e poveri noi. Questi in cinque anni hanno speso una valanga di soldi pubblici per indagini da folli per poi arrivare a trattenere in carcere in modo indegno un soggetto che ancora non ha a suo carico prove. Ma solo indizi e convincimenti. Oggi si va in carcere perchè un Magistrato si convince della colpevolezza di qualcuno anche senza prove schiaccianti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog