Cerca

Campione

Rossi umilia Balotelli e Pirlo: così il Dottore li straccia senza pietà. Anche se Supermario...

Rossi umilia Balotelli e Pirlo: così il Dottore li straccia senza pietà. Anche se Supermario...

Valentino Rossi avrà anche perso in pista il duello contro Jorge Lorenzo nel Mondiale di Motogp, con quel vergognoso biscottone nella gara di Valencia complice l'altro spagnolo, Marc Marquez, ma quando il Dottore si misura con tutti gli sportivi in popolarità, non ci sono rivali. I dati dei social network del 2015 hanno incoronato il campione di Tavullia come il più popolare in Italia. Su Facebook, la pagina ufficiale di Rossi può vantare ben 12 milioni di fan, solo 10 per il milanista Mario Balotelli e ben più staccato Andrea Pirlo con 7,8 milioni. Non c'è gara anche su Twitter, dove l'account di Vale è seguito da 4 milioni di follower, mentre quello di Balotelli ne registra 3,7. Segue anche qui in terza posizione Pirlo con 2,1. L'ultima sfida da vincere resta quella su Instagram, dove Supermario può vantare più seguaci di tutti con 3,3 milioni, mentre il Dottore ne ha 2,4. A sospresa in terza posizione c'è Stephan El Shaarawy con 1,5 milioni di follower.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • buonavolonta

    02 Gennaio 2016 - 10:10

    valentino rossii presidente d'italia subito ..ci sono i numeri..hahahah

    Report

    Rispondi

  • aldo47

    25 Dicembre 2015 - 11:11

    Aggiungo anche il mio per Valentino,un ragazzo nato da una famiglia con cuore, normalissima senza grilli per la testa,un esempio per molti per chiarezza,umiltà e saper stare al mondo senza sfarzi. Auguri anche a Marco e alla sua famiglia. Buon Natale a tutti i motociclisti,con cuore e testa. Aldo.

    Report

    Rispondi

  • volaicaro07

    25 Dicembre 2015 - 10:10

    Ma che c. mi rappresenta Balotelli nellaq vita? Un personaggio pittoresco senza capo e senza coda! Mi domando come si fa a seguire le sue stravaganze, sempre deve dimostrare di essere maturo, ma, purtroppo, non lo sarà mai. Alla larga!!

    Report

    Rispondi

blog