Cerca

Cosa?

Amanda Lear: "David Bowie si innamorò di una mia foto. Non lo dimenticherò mai"

Amanda Lear:

Un sms un po' velenoso inviato all'amico Cristiano Malgioglio e pubblicato da Dagospia: "Mi stanno chiamando da tutto il mondo per commentare la morte di David Bowie. Ma che cazzo: mi hanno scambiato forse per la sua vedova?". Amanda Lear è la solita, talmente schietta da risultare irruente. Eppure è stata proprio lei, in un'intervista alla Stampa, a raccontare la "storia d'amore" che per due anni - nella prima metà degli anni Settanta -  la legò alla rockstar britannica scomparsa a 69 anni. "Si innamorò di una mia foto - rivela la Lear -. Avevo posato per la copertina di un disco dei Roxy Music, "For your pleasure". Era il 1973 ed ero un po' hitchcockiana, aggressiva, con una pantera al guinzaglio. Bowie vide quella foto e si fissò su di me. Mi voleva conoscere. Lui stava sempre chiuso in casa, giorno e notte. E proprio una notte mi chiamò Marianne Faithfull. Mi disse: Ti passo qualcuno. Mi passò Bowie. Poco dopo mi ritrovai da lui. Marianne poi ci lasciò da soli". La relazione tra i due durò per più di due anni ma poi "finì per i grossi problemi di droga e alcol di lui", all'epoca ancora sposato con Angie Bowie e già padre di Duncan Jones. Ma attenzione. Amanda Lear ha raccontato che fu proprio grazie a Bowie che iniziò a cantare. "Sono andata con lui da Londra a New York. E dopo a Berlino. Alla fine mi sono stufata di seguirlo. E poi lui era dipendente dalla droga, non era facile. Comunque gli devo molto. Fu lui a dirmi: Hai una voce eccezionale, devi cantare. Io non ci avrei mai pensato. E invece lui ci credeva davvero. Mi pagò corsi di canto e di ballo. Poi iniziai a cantare con lui, ho imparato tanto. Alla fine proprio in Germania incisi il mio primo disco. E lì ci lasciammo". È così finì la loro storia. "Lui era una persona particolare: misterioso, riservato. Comunque, non lo dimenticherò mai. Mi ha scombussolato la vita", ha concluso la showgirl.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog