Cerca

Icona

Cicciolina, l'accusa di fuoco a Carlo Conti: "Ecco cosa mi ha fatto, una cosa gravissima"

Cicciolina, l'accusa di fuoco a Carlo Conti:

Ilona Staller, ex pornostar con il nome d'arte di Cicciolina, si sfoga in una intervista a TvZoom spiegando di essere vittima di una censura da parte della Rai.  "La televisione di Stato da diversi anni ha mostrato verso di me una sorta di indifferenza, quasi una non esistenza della mia persona, mi ha tagliata fuori privandomi dell’opportunità di lavorare nei vari programmi anche di prima serata in cui avrei potuto portare una grande audience", dichiara l'ex pornodiva, "tuttavia continuo ad apparire nelle tv estere, dove i media sono meno politicizzati. Ricordo la mia partecipazione di grande successo al programma argentino, la versione locale di Ballando con le Stelle, intitolata Bailando por un sueño".

Prosegue la Staller: "Qualche tempo fa il mio manager è andato a parlare in Rai e so che Carlo Conti appena ha sentito il mio nome ha detto “no, no, per carità, quella è scomoda”. Sono scomoda per tutta la tv nazionale?", si domanda Ilona, "la trovo una cosa molto vergognosa, non faccio parte delle Brigate Rosse, non sono una delinquente, sono un personaggio pubblico mondiale, si vede che alcuni politici hanno messo un veto sul mio nome".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    14 Aprile 2016 - 13:01

    L'unica cosa buona che siano riusciti a fare in RAI. Se ne vada pure in Argentina o dovunque le aggrada. Noi non sentiremo la sua mancanza.

    Report

    Rispondi

  • bettym

    14 Aprile 2016 - 10:10

    Cicciolina resta in pensione e basta rompere i coglioni!! Non potrebbe portare niente di nuovo o di interessante in TV, e ci sono già molti personaggi pagati fior fior di quattrini che non valgono niente!! perchè aggiungerne un'altra?

    Report

    Rispondi

  • amble

    14 Aprile 2016 - 10:10

    No, semplicemente perché Carlo Conti è una persona intelligente.

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    14 Aprile 2016 - 08:08

    Signora Staller, quando si chiede di lavorare (si fa per dire, vero), si "chiede", non si "pretende". Carlo Conti avrà i suoi motivi per ritenere di non farla lavorare con lui. Ne avrei anch'io. Saluti.

    Report

    Rispondi

    • ilsognodiunavit

      14 Aprile 2016 - 12:12

      Mi sembra molto sensata la tua risposta , cosa c'entra la politica in questo ,

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog