Cerca

Guerra

"Bruciate le case dei funzionari del Fisco". Guai per Striscia la notizia: il Fisco li trascina in Tribunale

"Bruciate le case dei funzionari del Fisco". Guai per Striscia la notizia: il Fisco li trascina in Tribunale

Il Fisco italiano e Striscia la notizia sono a un passo dall'aula di tribunale. L'Agenzia delle Entrate ha i nervi a fior di pelle per le decine di servizi che il tg satirico ha mandato in onda dallo scorso 8 marzo su tutte le angherie subite dai contribuenti. Come riporta Repubblica, il caso più caldo riguarda il calcolo delle imposte di registro, ipotecaria e catastale per immobili e terreni acquistati. Nella maggior parte dei casi, ha denunciato Striscia, la cifra pagata per l'acquisto viene considerata dal Fisco inferiore al suo reale valore, adeguando le tasse a costi anche dieci volte più alti. L'accusa dell'Agenzia delle Entrate, che ha dato mandato all'Avvocatura dello Stato di trascinare Striscia in tribunale, è quell'invito che avrebbe fatto il programma di Antonio Ricci di dar fuoco alle case dei funzionari che firmano le contestazioni fiscali. Ricci boccia la causa come "temeraria" e chiarisce che quell'invito a dar fuoco alle case dei funzionari era stato lanciato da un contribuente che voleva sfogarsi. E il papà del Gabibbo una piccola vittoria per ora l'ha già incassata: nella circolare del 28 aprile, l'Agenzia ha invitato i suoi funzionari a fare un sopralluogo prima di contetare il valore di un bene.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giopul1953

    10 Maggio 2016 - 17:05

    L'agenzia delle entrate invece di arrabbiarsi con striscia dovrebbe arrabbiarsi con i propri funzionari che lavorano con i piedi, sentendosi in una botte di ferro. Bisognerebbe che ci fosse una legge che obbligasse l'agenzia delle entrate ad acquistare i beni da loro valutati oltre il reale valore di mercato: vedreste che tali sopraffazioni sparirebbero subito.

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    01 Maggio 2016 - 16:04

    se un cittadino con pochi soldi viene derubato dal fisco è il minimo che possa fare dalla disperazione.Se è di fede musulmana ,e se questo può far felice i funzionari che ti impongono gabelle non dovute e ti rubano i soldi, sono passibili del taglio delle mani.

    Report

    Rispondi

  • rendagio

    01 Maggio 2016 - 10:10

    basterebbe che un comune cittadino quando viene contestato questa truffa, chieda di parlare con la persona che ha deciso e redatto il falso e relativa truffa, e gli SPARI nelle gambe, al limite informarsi dove vive e agire di conseguenza quando esce o rientra a casa, specialmente di sera, di notte lke strade sono pericolose per qualcuno e quando apre la porta si guardi bene alle spalle, r

    Report

    Rispondi

  • blu_ing

    30 Aprile 2016 - 18:06

    il frocio di renzi che fa? .... le solite passerelle... mbacc o cazz! sto frocio di merda, con moglie racchia al seguito

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog