Cerca

Ma dai?

Pazzesca De Filippi, la confessione: "Cosa mi costringeva a fare Costanzo in soli tre minuti"

Maurizio Costanzo e Maria De Filippi

Una Maria De Filippi a ruota libera, in un'intervista al Corriere della Sera, snocciola aneddoti d'infanzia e relativi alla sua carriera. "Sin da piccola sono sempre stata abituata ad ascoltare perché in famiglia non avevo molta voce in capitolo. Ero la seconda e quindi, come tale, dovevo imparare a sentire più che a parlare. L’unica cosa che potevo dire all'epoca era: perché? Infatti mio papà mi chiamava perché. Così, fin da quando ho iniziato a fare televisione ho sempre lavorato con le storie che arrivavano al centralino della redazione dei miei programmi".

Dunque, su suo marito, Maurizio Costanzo, spende parole dolci e racconta particolari inediti. Dopo aver detto che è il suo grande amore, aggiunge che è anche il suo grande maestro: "Maurizio mi ha fatto leggere non so quanti gialli di Simenon facendomi fare il riassunto e la sintesi: Riassumi in 5 minuti, riassumi in 3 minuti, riassumi in un minuto. Dimmi qual è il centro del libro, e così via. Lo faceva per farmi imparare a raccontare". Obiettivo raggiunto, si può dire: oggi, la De Filippi, è forse la più celebre "narratrice" della televisione italiana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog