Cerca

Lutto

Crozza, gaffe imbarazzante sul palco. La battuta-insulto a un'intera città: "Figli di tr...". Così lo gela il sindaco leghista

Crozza, gaffe imbarazzante sul palco. La battuta-insulto a un'intera città: "Figli di tr...". Così lo gela il sindaco leghista

Maurizio Crozza ha messo a segno un clamoroso scivolone durante il suo spettacolo al Kioene Arena di Padova. Come riporta il Gazzettino, il comico ha dedicato ampio spazio al sindaco in carica, il leghista Massimo Bitonci, già tra i suoi feticci negli spettacoli televisivi. Contro Bitonci, Crozza non ha risparmiato battute al vetriolo: "Da quando c'è lui - ha detto - anche palazzo della Ragione è passato dalla parte del torto. Sta portando avanti la sua campagna contro le unioni civili. Ha detto che non celebrerò mai i matrimoni tra gay. Diciamo che Bitonci ce l'ha così tanto con i gay, che confronti a lui Mario Adinolfi è Ricky Martin". Ma non contento, Crozza crolla quando prova un'altra battutaccia: "Padova ha una storia antichissima e supera tutto, secondo l'Eneide fu fondata da Antenore, un principe troiano. Diciamo che fin dalle origini siete abituati a essere governati da dei figli di Troiani...". In breve l'insulto è stato servito, ma non raccolto dal sindaco Leghista che lo ha gelato: "Grazie per gli insulti, proprio nel giorno dell'anniversario della morte di mia madre".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Uchianghier

    Uchianghier

    30 Maggio 2016 - 12:12

    Non è colpa sua lui oramai si e talmente rincogli la prima mela che non sa più quale altra castroneria inventare.

    Report

    Rispondi

  • filder

    30 Maggio 2016 - 09:09

    Dionisio Bosio: Dipende se uno si sente di essere figlio di troia perché nel caso potrebbe anche accettare il panegirico di Crozza e certi commenti!

    Report

    Rispondi

blog