Cerca

Dopo la sentenza

Gli avvocati di Bossetti litigano coi giornalisti

4
Gli avvocati di Bossetti litigano coi giornalisti

Sarà stata la tensione. L'adrenalina di due anni di strategie difensive, di 45 udienze. E la delusione per la sconfitta, con il loro cliente Massimo Bossetti condannato all'ergastolo. Fatto sta che, fuori da palazzo di giustizia, gli avvocati Paolo Camporini e Claudio Salvagni, hanno avuto un duro battibecco coi giornalisti che li cingevano d'assedio per strappargli una battuta a caldo sulla sentenza della Corte d'Assise di Bergamo. A uno dei cronisti, che gli faceva notare come il campione di dna sulla base del quale Bossetti è stato condannato fosse perfettamente integro e dunque sufficiente ad individuare il colpevole dell'omicidio di Yara, i legali hanno replicato a muso duro: "Non parlate di cose che non conoscete. Andate a studiare, studiate. Noi abbiamo studiato trent'anni".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kicner

    02 Luglio 2016 - 17:05

    a mio avviso questi due, per farsi notare un anno intero, hanno rovinato il muratore Bossetti. Sapendo che il DNA era una prova difficilmente smontabile potevano chiedere il rito abbreviato. A quest'ora Bossetti dopo dieci dodici anni poteva pure uscire. Non hanno pensato ai figli di Bossetti hanno pensato solo a loro. Qualsiasi cosa dicano a loro discolpa non ha senso.

    Report

    Rispondi

  • agosman

    02 Luglio 2016 - 10:10

    Si lamentano con i giornalisti colpevolisti, con i magistrati che condannano i loro clienti e con tutti coloro che pensano che la verità sia diversa dalla loro. Per fortuna che in Assise ci sono anche sei persone comuni a giudicare. Anche con loro se la prendono? Anche loro devono studiare dato che hanno ritenuto che il DNA nucleare fosse idoneo ad attribuire l'identità giudiziaria al colpevole?

    Report

    Rispondi

  • gigi primo

    01 Luglio 2016 - 23:11

    E hanno ragione! Il campione analizzato e rimasto all'aperto per mesi non potrebbe essere contaminato?

    Report

    Rispondi

    • kicner

      02 Luglio 2016 - 17:05

      no, neppure dopo 50 anni e di più. Si ricordi che si valutano DNA di Mammut.

      Report

      Rispondi

media