Cerca

Ds

Caos a Raisport, scoppia la rivolta dei giornalisti: tutta colpa di questa bella giornalista

Caos a Raisport, scoppia la rivolta dei giornalisti: tutta colpa di questa donna

Rinnovare e innovare fa sempre bene, anche se si tratta di un programma cult come la Domenica Sportiva. Ma quando i cambiamenti si portano dietro strane novità, l' arrivo al timone della rampante e rombante (termine non è casuale dato che la brillante giornalista si occupa di Formula 1) 29enne Giorgia Cardinaletti rappresenta una rivoluzione: e succede che l' innovazione diventa fonte di preoccupazione.

Ed è quello che sta avvenendo a RaiSport, testata giornalistica della tv pubblica, dove la redazione non solo è disorientata ma anche un po' sconcertata, e non solo per l' arrivo da Sky del commentatore Mario Sconcerti, altro pensionato d' oro che va ad ingrossare le fila dei collaboratori di viale Mazzini pur disponendo di 1600 giornalisti, ma per le condizioni dettate dalla Cardinaletti. La conduttrice sarà la spalla di Alessandro Antinelli (reduce da una prova magistrale alle Olimpiadi di Rio grazie alle sue telecronache fuori dall' ortodossia con Lucchetta) ovunque si trovi nel mondo. Cardinaletti, già conduttrice di Rai News 24, si è diplomata alla scuola di giornalismo dell' azienda a Perugia, e con l' approdo alla conduzione della DS porta a casa l' assunzione definitiva. Ma visto che i motori sembrano essere la sua vera passione, si è fatta conoscere al pubblico degli sportivi grazie al programma "Pole position" e continuerà a seguire la F1 in occasione dei Gp. In pratica la Rai dovrà allestire collegamenti ad hoc, con relativi costi, per la rampante telegiornalista, in modo che la DS abbia la doppia conduzione. Quale sia la logica, sia aziendale che professionale, sono in molti a chiederselo. Se si taglia da una parte perché allargare a dismisura i costi da un' altra? E soprattutto quale sarà il valore aggiunto della conduttrice in trasferta?

La redazione di RaiSport è già in fibrillazione, in attesa dei primi risultati d' ascolto. Il battesimo della coppia Antinelli-Cardinaletti è fissato per domenica sera, dopo il Gp del Belgio. Ma nel mirino dei giornalisti sportivi c' è anche il compenso assegnato a Sconcerti. Si parla di una cifra attorno ai 200mila euro. giornalisti Rai. «Ancora un contratto esterno, ancora un pensionato e strapagato, ancora una volta senza job posting. E di dubbia legittimità rispetto al Contratto di lavoro integrativo», sostiene in una nota l' Usigrai, a proposito del caso Sconcerti. «Come previsto dalle regole del Piano Anticorruzione», sostiene il sindacato, «la Rai ha fatto la obbligatoria preventiva verifica interna? A noi non risulta. Anzi ci risultano colleghe e colleghi senza incarico». E il nodo è proprio questo. Il numero di direttori e dirigenti senza mansioni, ma regolarmente pagati dall' azienda, supera le diverse unità. Nonostante ciò la Rai continua a pescare all' esterno. «Se confermate le voci», prosegue la nota Usigrai, «parliamo di un contratto da 200mila euro: una cifra che nessuno dei precedenti opinionisti ha mai percepito. Addirittura quasi 10 volte superiore rispetto all' opinionista usato da RaiSport nella precedente stagione. Inoltre il contratto di lavoro integrativo Rai prevede il generale divieto di utilizzare sotto qualsiasi forma il personale cessato dal servizio».

Enrico Paoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • charlie23

    26 Agosto 2016 - 16:04

    Allo spreco non c'e' limite!!!!!

    Report

    Rispondi

  • marco53

    26 Agosto 2016 - 13:01

    Sicuramente è una renziana del PD.

    Report

    Rispondi

  • Massimo Simon

    26 Agosto 2016 - 12:12

    E io dovrei pagare il canone.

    Report

    Rispondi

  • frankie stein

    26 Agosto 2016 - 11:11

    'Bella come il debito' direi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog