Cerca

Incastrato

Il parroco in intimità col marocchino: un video hard lo incastra, ma lui dice no al ricatto

Il prete è dipendente dai film porno: non ce la fa più, si suicida

Un sacerdote di provincia è stato incastrato da un duo di malviventi e ricattato per una brutta storia hard. È accaduto nei pressi di Vicenza, e anche se il riserbo sulla questione è massimo, qualcosa è trapelato, e la vicenda emersa sembra parecchio torbida.

La vittima è un prete in servizio pastorale che, come riporta Il Gazzettino, si è intrattenuto in rapporti intimi con un uomo marocchino. Ma dalla ricostruzione dei fatti pare che il marocchino abbia filmato il sacerdote, per poi ricattarlo con la minaccia di diffondere il video. Aiutato da una prostituta rumena, l'uomo ha chiesto al religioso 15mila euro per distruggere la prova, ma il prete ha deciso di denunciare la coppia, dicendo no al ricatto. I due sono stati identificati dalla squadra mobile di Vicenza grazie alle generalità fornite dal parroco, che ora però deve attendere i provvedimenti che la Curia prenderà dopo la sua denuncia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucianodarby52

    18 Settembre 2016 - 10:10

    Cert o questi marocchini trovano sempre un lavor etto e poi anche se islamici si confessano con un prete cattolico.

    Report

    Rispondi

  • Leopard47

    17 Settembre 2016 - 16:04

    uccello di rovo o di bosco

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    17 Settembre 2016 - 14:02

    Già è da ammirare per non aver ceduto al ricatto, non so se per coraggio o per intelligenza: chi cede al ricatto verrà sempre ricattato, tanto vale denunciare subito prima che ti spillino i soldi.

    Report

    Rispondi

  • Gianni Schicchi

    17 Settembre 2016 - 13:01

    se non altro ha preferito denunciarli, e non gli deve essere costato poco. Comunque, cari postatori che date la colpa a Bergoglio, peraltro papa assolutamente impari alle necessità, queste cose succedevano già ben prima di lui, del Concilio Vaticano II e del '68. Allora si era solo più bravi a nasconderle.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog