Cerca

Su La Stampa

Matteo Salvini, il vergognoso attacco di Alan friedman per conto di Massimo D'Alema

16
Matteo Salvini, il vergognoso attacco di Alan friedman per conto di Massimo D'Alema

"Intellettualmente disonesto e poco informato". Così Alan Friedman, su La Stampa, definisce il leader della Lega Matteo Salvini. Per la volontà di introdurre dazi doganali e per la pretesa di risolvere tutte le magagne del fisco italiano con una flat tax al 15%. E ancora, "imitatore di Donald trump, bravo a imitarne la faccia scura e la voce possente quando parla degli immigrati e dei musulmani". E "ottimo ospite dei talk show che si becca gli applausi quando critica la Fornero e l'Europa" ma "poco esperto di tematiche economiche".

Anche double face, Salvini: "Mi colpì molto come a telecamere accese fosse incendiario, a telecamere spente deciso ma pacato". Insomma, una paginata di fango contro il leader leghista che neanche il sinistro più sinistro. Arriva, Friedman, persino a solidarizzare con Massimo D'Alema (questo non lo farebbe nemmeno il sinistro più sinistro), ricordando l'episodio del 1999 quando l'allora 26enne Salvini "fu denunciato e condannato a 30 giorni per aver lanciato delle uova contro il premier Massimo D'Alema. Povero D'Alema".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • JeffBeck

    07 Febbraio 2018 - 11:11

    MA VAI A FFFF.......O

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    07 Febbraio 2018 - 08:08

    Devo ringraziare Friedman. La storia del lancio delle uova a D’Alema da parte di Salvini, nel 1999 quando questi aveva 26 anni, non la conoscevo. Un motivo di più per dare a lui e alla Lega il mio voto.

    Report

    Rispondi

  • attualità

    07 Febbraio 2018 - 08:08

    Uno dei tanti stranieri che odiano a morte l'Italia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media