Cerca

Brividi

Muore la madre di 80 anni, i figli pubblicano il necrologio-horror: "Non ci mancherai. Adesso il mondo..."

6 Giugno 2018

3
Kathleen Dehmlow

Una storia pazzesca che arriva dagli Stati Uniti, dove all'età di 80 anni è morta la signora Kathleen Dehmlow. E in suo ricordo, i figli hanno comprato lo spazio per un necrologio su un giornale locale. Nel quale hanno scritto quanto segue: "Non ci mancherai, questo mondo sarà migliore di te". Firmato Gina e Jay, i figli. 

Di seguito, l'intero necrologio: "Kathleen è nata il 19 Marzo 1938. Nel 1957 ha sposato Dennis Dehmlow nella chiesa di Sant'Anna in Wabasso (Florida) e, con lui, ha avuto due figli Gina e Jay. Nel 1962 è rimasta incinta del fratello di suo marito Lyle Dehmlow e si è trasferita in California. Ha abbandonato i suoi figli, Gina e Jay, che sono stati cresciuti dai nonni. È venuta a mancare il 31 Marzo 2018 a Springfield e ora sarà sottoposta al giudizio divino. Non mancherà a Gina e Jay che si rendono conto che il mondo sarà un posto migliore senza di lei". Una madre molto poco amata, insomma.

Il messaggio, in poche ore, è diventato virale su Twitter. E la polemica ha infiammato gli interi Stati Uniti, divisi tra chi lo ha definito "disgustoso", "il peggior messaggio ma scritto a una mamma", e chi invece ha mostrato comprensione per i due figli abbandonati. Per inciso, una vicina di casa, sempre sui social la ha difesa affermando che era "una persona meravigliosa che non merita di essere ricordata come una donna che ha abbandonato i propri figli".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bisker8

    14 Giugno 2018 - 12:12

    traduzione da correggere: questo mondo sarà migliore SENZA di te

    Report

    Rispondi

  • Skyler

    07 Giugno 2018 - 08:08

    Ma a noi cosa frega di sta roba?

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    06 Giugno 2018 - 19:07

    Difficile comprendere i critici di Gina e Jay. Una madre che abbandona i propri figli non è una madre ma una zoccola.

    Report

    Rispondi

media