Cerca

lazio/roma

Lazio: Stirpe (Unindustria), consolidamento segnali ripresa nel 2016

Lazio: Stirpe (Unindustria), consolidamento segnali ripresa nel 2016

Roma, 14 gen. (Labitalia) - "Il 2016 è l'anno in cui sul territorio dovrebbero consolidarsi i segnali di ripresa, registrati nell'ultimo quadrimestre del 2015". Lo dice a Labitalia Maurizio Stirpe, presidente di Unindustria, l'unione degli industriali e delle imprese di Roma, Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo.

"L'intensità della ripresa stessa -spiega- dipenderà dall'accelerazione di diversi fattori da cui ci aspettiamo molto, come i poli produttivi. Su questi ultimi contiamo molto: abbiamo l’hi-tech, il polo farmaceutico, importante volano dell’export con il suo centro di eccellenza nel distretto di Latina e Frosinone. Poi, lo stabilimento automobilistico di Cassino, la cui ripresa produttiva si vedrà, in modo particolare, nella seconda parte del 2016".

"Come avevamo previsto -sottolinea- almeno al momento, l'effetto Giubileo non si è fatto sentire; del resto, si tratta di un turismo mirato alla religione e le ricadute sull'economia regionale non ci sono".

Riferendosi poi al progetto di creare, nel porto di Civitavecchia, una zona franca dove si possono insediare lavorazioni di merci in transito, il presidente Stirpe ricorda che "c'è stato un processo di riordino e speriamo che il progetto acceleri in modo da conseguire effetti tangibili nel 2016".

"E' importante -avverte- il collegamento economico del mare all'aspetto delle infrastrutture. L’economia del mare è un settore chiave che vive di interconnessioni: la rinascita del manifatturiero non sarà possibile senza uno sbocco su Civitavecchia, dove la strada intrapresa è quella giusta".

"Nel Lazio comunque -fa notare- si sta muovendo più di qualcosa. Mi riferisco alla Roma-Latina, all'aeroporto di Fiumicino, oltre che naturalmente ai porti di Civitavecchia, Gaeta e Fiumicino".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog