Cerca

sindacato

Confsal Salfi, personale impegnato in 500mila accertamenti fiscali

Roma, 2 mar. (Labitalia) - "Nella seconda parte del 2015, a pochi mesi dall’introduzione del nuovo regime del patent box, le richieste di adesione presentate dalle imprese ammontano a circa 4.500, di cui 1.200 solo in Lombardia. Le domande di adesione alla voluntary disclosure sono state 129.000, in maggioranza giunte dal Nord Italia. Gli Uffici sono già attivi nella complessa, delicata e strategica lavorazione delle istanze in argomento, che dovrebbero portare all’emissione di circa 500.000 accertamenti, inderogabilmente entro la fine di quest’anno". A ricordarlo, in una lettera inviata al direttore dell'Agenzia delle entrate, Rossella Orlandi, è Sebastiano Callipo, segretario generale del Confsal Salfi, sindacato autonomo dei lavoratori finanziari.

"Un impegno altamente strategico, implicante indubbia, specifica e tecnica competenza professionale", afferma Callipo sottolineando come "i colleghi, impegnati in tali attività, possiedano tutte le caratteristiche non solo per rivestire ruoli ancor più gratificanti, ma anche riconoscimenti economici adeguati agli incassi, legati inesorabilmente alla loro attività, in quantità e qualità".

Per Callipo, "la richiesta premialità va riconosciuta e assicurata, ma soprattutto autorizzata dal governo, previo rispetto dell’autonomia finanziaria dell'Agenzia, che ha, nelle voci del proprio Bilancio, le risorse finanziarie necessarie per attuare finalmente un autonomo, quanto congruo, sistema premiale, per queste attività in particolare ma, in linea generale, per tutte le altre attività, altrettanto strategiche, che investono migliaia di colleghe e colleghi".

"Infatti, tutte le attività che, nel cambiar verso, plasmeranno il nuovo volto dell’Agenzia delle entrate, in seno alla modernizzazione del Paese, e che si esplicano - spiega Callipo - dagli interpelli all’assistenza, al deflazionamento del contenzioso, alla digitalizzazione, alla strategica stagione della compliance e, in linea generale, a servizi sempre più moderni ed efficienti, senza dimenticare l’informatizzazione del catasto, impongono ben diversi sistemi premiali, con salario accessorio adeguato per tutto il personale dell’Agenzia delle entrate, specie per quello appartenente alle aree funzionali di tutti gli Uffici e di tutte le regioni".

Il segretario generale del Confsal Salfi fa notare che "i risultati di codesta Agenzia non possono che essere ascritti al contributo dell’intero esercito delle colleghe e dei colleghi, che debbono essere adeguatamente e costantemente sostenuti e motivati e non subire diktat politici, che utilizzano anche l’Agenzia delle entrate per pubblicizzare, sostenere e valorizzare l’azione politica del governo nel sistema Paese, atteso che la leva fiscale è una delle leve strategiche per drenare consensi elettorali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog