Cerca

sindacato

Al via tavolo artigiani-sindacati su riforma modello contrattuale

Al via tavolo artigiani-sindacati su riforma modello contrattuale

Roma, 9 mar. (Labitalia) - Via al confronto tra le Confederazioni artigiane e Cgil, Cisl e Uil sulla riforma del modello contrattuale. Dopo le pmi di Confapi oggi al tavolo del negoziato siedono, insieme ai sindacati, Confartigianato Imprese, Cna Casartigiani e Claai. Obiettivo: ridare nuove gambe all'accordo del 2009. Un modello, quello a cui guardano le imprese, che deve prevedere due livelli di contrattazione, nazionale e territoriale, "con pari cogenza, valorizzando la bilateralità e realizzando soluzioni di welfare su misura per il settore".

E a livello nazionale deve trovare spazio, per gli artigiani, una garanzia minima salariale e normativa, con un secondo livello territoriale "con cui leggere e tradurre le differenze reali nelle condizioni sociali, economiche e occupazionali del Paese". Necessario, per le imprese, anche un taglio drastico del numero dei contratti nell’artigianato che interessano oltre 1 milione di lavoratori, ma che, hanno detto, dovranno poter essere applicati anche alle piccole imprese.

All’incontro hanno partecipato i presidenti di Confartigianato, Giorgio Merletti, di Cna, Daniele Vaccarino, di Casartigiani, Giacomo Basso, e Marco Accornero, segretario generale di Claai. Per i sindacati sono intervenuti il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, il segretario confederale della Cisl, Gigi Petteni, il segretario confederale della Uil, Tiziana Bocchi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog