Cerca

sindacato

Friuli Venezia Giulia: Manageritalia, serve classe dirigente responsabile

Friuli Venezia Giulia: Manageritalia, serve classe dirigente responsabile

Trieste, 14 apr. (Labitalia) - "In Friuli Venezia Giulia c’è bisogno di una classe dirigente responsabile, preparata e tenace, capace di mettere in campo un New Deal per affrontare un mondo complesso che cambia rapidamente e di continuo, con una competizione sempre più forte che non fa sconti a nessuno. Dobbiamo mettere in campo una strategia a 360 gradi per riprendere a crescere davvero e creare sviluppo e occupazione. Bisogna anche affrontare i problemi legati all’immigrazione, a un welfare che non funziona e ai tanti conflitti latenti e in aumento". Questa l’analisi di Sandro Caporale, presidente di Manageritalia Trieste, in vista dell'assemblea elettiva dell'associazione regionale dei manager del terziario che si terrà domani, venerdì 15 aprile, a Trieste.

"Noi manager, troppo pochi in un tessuto economico oggi asfittico e ancora troppo legato alla gestione familiare delle imprese, abbiamo un ruolo e -dice Caporale- dobbiamo mettere in campo il nostro diritto e dovere di contribuire alla ripresa lavorando nelle aziende, ma anche di fare la nostra parte nel definire le linee guida per lo sviluppo economico e sociale".

"In Italia dobbiamo smettere di giocare in difesa raggranellando soldi qua e là, da pensioni e redditi più elevati, quelli che già pagano tanto e tutto in termini di tasse e contributi, senza peraltro poi mettere questi soldi al servizio dello sviluppo, ma a toppare falle. Si devono colpire gli sprechi, l’evasione e la corruzione e con questi soldi ridare fiato a chi produce abbassando le tasse e fare investimenti per creare un ecosistema capace di favorire davvero lo sviluppo".

"Dobbiamo -chiude Caporale- sfruttare di più e meglio alcuni nostri punti di forza a livello geografico, turistico e di tradizione in business ancora attuali, ma solo se capaci di cambiare profondamente. Tanti miei colleghi mi manifestano la voglia di fare davvero qualcosa per smuovere le acque e superare polemiche e ricerca di colpe, per andare oltre a costruire davvero il nostro futuro. Questo, insieme a un continuo miglioramento dei servizi per i manager, sarà l’obiettivo del prossimo consiglio direttivo che eleggeremo venerdì prossimo".

In Friuli Venezia Giulia i dirigenti sono diminuiti dell'2,3% dal 2010 al 2014 e del’1,6% dal 2013 al 2014. Aumentano invece i quadri (+5% nei quattro anni e +0,7% nell’ultimo anno). In entrambi i casi la fanno da padrone le donne che crescono, nonostante il calo generale, del 7,7% tra i dirigenti e del 10,4 tra i quadri. A fronte dei 1.834 dirigenti attivi in regione nel 2014 (ultimo dato disponibile), Udine (690), Trieste (584) e Pordenone (423) sono le province più popolate.

"Una situazione che, con un rapporto dirigenti lavoratori dipendenti ben più basso rispetto alla media nazionale (1%) e pari allo 0,7% in Friuli Venezia Giulia, all’1,1% a Trieste, allo 0,6% a Udine e Pordenone e allo 0,4%% a Gorizia, la dice lunga su come le aziende del territorio -spiega la nota- stiano mancando l’occasione di superare la crisi dandosi più managerialità, oggi indispensabile per competere. Anche perché questo non lo si può fare puntando solo sui quadri che, pur essendo manager a tutti gli effetti, denotano una guida aziendale in mano solo all’imprenditore e ai suoi familiari". L’Assemblea, oltre alla parte ordinaria sull’attività svolta nel 2015, prevede l’elezione del nuovo consiglio direttivo che dovrà guidare l’Associazione nei prossimi quattro anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog