Cerca

sindacato

Italcementi: sindacati, 29 aprile sciopero e manifestazione a Bergamo

Italcementi: sindacati, 29 aprile sciopero e manifestazione a Bergamo

Roma, 14 apr. (Labitalia) - "Nella giornata odierna si è svolto presso il Mise, alla presenza del viceministro Teresa Bellanova, l’incontro richiesto da Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil in riferimento all’acquisizione del Gruppo Italcementi Spa (Itc) da parte del Gruppo Heidelberg Cement Spa (Hc). Le segreterie nazionali e le Rsu presenti hanno contestato il piano industriale presentato da Hc a mezzo stampa che prevede, a regime, esuberi per 415 dipendenti di Bergamo a cui se ne aggiungono altri 250 circa (dei siti produttivi) che potrebbero essere licenziati a settembre 2017". E' quanto si legge in una nota firmata dai segretari nazionali di Feneal-Uil, Fabrizio Pascucci, di Filca-Cisl, Riccardo Gentile, e Fillea-Cgil, Marinella Meschieri.

"Altresì è stato stigmatizzato -continua la nota- il comportamento del Gruppo tedesco che ha dribblato la convocazione del Mise come atto grave e irrispettoso nei confronti delle istituzioni nazionali. Sono 5 le richieste che le organizzazioni sindacali hanno proposto al viceministro e al quale è stato chiesto di sostenere nei confronti di Hc".

A cominciare, ricorda, da "istituire, in tempi brevi, un tavolo di confronto coordinato dal Mise, alla presenza della vecchia e nuova proprietà, delle segreterie nazionali di Feneal, Filca e Fillea e del ministero del Lavoro per rivedere il piano industriale presentato; mantenere il centro tecnico di assistenza (ex Ctg) su Bergamo che permetterebbe di ridurre sensibilmente il numero degli esuberi; potenziare il centro di ricerca (R&D & inno.) quale centro mondiale di ricerca sul prodotto, (scelta parzialmente accolta da Hc su nostra proposta), che permetterebbe di azzerare gli esuberi; in questo contesto si stanno creando le sinergie con la Regione Lombardia e le facoltà tecniche delle università di Bergamo e Milano".

E ancora, prosegue, "confermare da parte di Hc il mantenimento degli asset dei siti produttivi e dei livelli occupazionali previsti, almeno fino alla fine del periodo di transizione da loro indicato, che terminerebbe nel 2020; prevedere ulteriori ammortizzatori sociali per tutto il Gruppo, al fine di governare i processi di ricollocazione attraverso politiche attive (formazione, riqualificazione, outplacement), anche con il coinvolgimento delle istituzioni locali; di conseguenza Hc dovrà riconfermare gli accordi sottoscritti con Itc relativi ai piani sociali a integrazione degli ammortizzatori sociali".

A conclusione dell'incontro Bellanova, continua la nota dei sindacati, "ha preso atto delle richieste e, nella piena consapevolezza dell’importanza che il ruolo del governo può svolgere in questa fase, se ne farà carico". "Altresì ha precisato che in ogni caso un azienda straniera si dovrà adeguare alle nostre regole che prevedono appunto anche quello di presentarsi alle convocazioni del governo e dei ministeri coinvolti", sottolinea.

"Di conseguenza convocherà, entro i primi di maggio, il tavolo di confronto -concludono i sindacati- con tutte le parti interessate. A sostegno delle nostre proposte, alternative al piano industriale di Hc, viene confermato lo sciopero del gruppo Itc per il giorno 29 aprile 2016 con manifestazione nazionale a Bergamo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog