Cerca

sindacato

Romani (Cisl First): "Nomina Mustier a Unicredit chiude incertezze, no altre cessioni"

Romani (Cisl First): "Nomina Mustier a Unicredit chiude incertezze, no altre cessioni"

Roma, 30 giu. (Labitalia) - Con la nomina di Jean Pierre Mustier ad Amministratore Delegato di Unicredit "si pone fine al periodo troppo lungo di vacanza, in un momento di difficoltà sistemica e turbolenza dei mercati". Il commento è di Giulio Romani, Segretario Generale First Cisl, convinto che "Unicredit è la più importante banca internazionale italiana, qualità che rappresenta un fattore competitivo rilevante per l’azienda e per il Paese, e che deve essere preservata".

Pier Luigi Ledda, segretario nazionale First Cisl esprime invece contrarietà "a operazioni di ulteriori cessioni di aziende o esternalizzazione di attività, considerato che queste operazioni si sono già rivelate inefficaci". "Più complessivamente, sul versante della riduzione dei costi -incalza- i lavoratori hanno già dato il loro ampio contributo in passato". L’azienda, aggiunge Ledda, "ha avviato un cammino di innovazione che per essere realmente vincente dovrà realizzarsi all'interno di una modalità compiutamente partecipativa e inclusiva delle sensibilità e degli interessi dei lavoratori e della clientela: imprese e famiglie".

"Crediamo che l’innovazione -osserva Romani- debba essere orientata al miglioramento organizzativo finalizzato a riportare l’azienda a livelli di eccellenza nel settore, in termini di redditività e di produttività, ma anche di equità nella distribuzione della ricchezza". Il sindacato, assicura infine Romano, "è pronto a impegnarsi a fondo per una banca 2.0, purché abbia a continuo riferimento le persone e sia attenta allo sviluppo e all’occupazione, a partire da quella giovanile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog