Cerca

sindacato

Incendi: Conapo, da anni chiediamo riforma ma governo sordo

Incendi: Conapo, da anni chiediamo riforma ma governo sordo

Roma, 25 lug. (Labitalia) - "L’attuale sistema istituzionale di lotta agli incendi boschivi previsto dalla legge quadro in vigore è troppo farraginoso, foriero di incertezze sulla catena di comando, troppo costoso e disomogeneo da regione a regione in quanto non tutte le regioni si avvalgono del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. Serve una urgente riforma, anche costituzionale se del caso, che accentri nello Stato, attraverso i Vigili del Fuoco, tutte le competenze di lotta agli incendi, compresi quelli boschivi oggi demandati alle regioni. Da anni chiediamo una riforma, ma il premier Renzi e il governo sembrano sordi su questo. E intanto l’Italia brucia, con gravi danni ambientali e con enorme sperpero di denaro pubblico". Lo ha dichiarato a Labitalia Antonio Brizzi, segretario generale del Conapo, sindacato autonomo vigili del fuoco.

“In molte regioni che non hanno fatto convenzioni con i Vigili del Fuoco -spiega Brizzi - non esiste un servizio di pronto intervento sufficientemente pronto a garantire l’intervento sugli incendi sul nascere e cosi gli incendi diventano in breve tempo generalizzati tanto che si rende necessario l’uso di mezzi aerei con enorme spesa pubblica”.

"Al governo -ha avvertito il segretario del Conapo- chiediamo di non affrontare i problemi a metà. Non basta affidare ai Vigili del Fuoco i compiti antincendio del Corpo Forestale dello Stato. Servono adeguati uomini e mezzi e serve una modifica della legge quadro sugli incendi boschivi che assegni ai vigili del fuoco piene competenze, coordinamento e adeguate risorse nella lotta agli incendi boschivi, e non ci ponga più ai margini, senza uomini e mezzi e senza poter adeguatamente intervenire in questo campo, come purtroppo avviene oggi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog