Cerca

abruzzo/pescara

Abruzzo: Cna, 439 imprese artigiane in meno in primi sei mesi 2016

Abruzzo: Cna, 439 imprese artigiane in meno in primi sei mesi 2016

Pescara, 29 ago. (Labitalia) - Ben 439 imprese artigiane in meno nei primi sei mesi del 2016. E’ la fotografia scattata dallo studio realizzato su dati di Movimprese da Aldo Ronci per la Cna Abruzzo: un andamento che ricaccia indietro il settore di sedici anni, con 31.302 imprese attive oggi, a fronte delle 32mila del duemila, facendone il grande 'malato d’Abruzzo'. Tutto ciò mentre pure, nel secondo trimestre dell’anno, qualche timidissimo segno di ripresa si è intravisto, con le province di Pescara e Teramo meglio delle altre e la parziale frenata di emorragie nel settore delle costruzioni: ma di qui a parlare di uscita dal tunnel della crisi ce ne corre davvero.

Il decremento tra imprese iscritte e cancellate (-439), nei primi sei mesi dell’anno, insomma, è netto: anche se va detto che nei primi semestri degli ultimi anni era andata molto peggio, con il picco negativo (-741) fatto segnare nel 2013.

Un dato di crisi, per il mondo dell’artigianato, che stride fortemente con l’andamento registrato complessivamente (un modesto saldo negativo di 31 unità) dall’insieme del sistema-impresa regionale, che include i numeri di industria, commercio, agricoltura e servizi: cifre che, evidentemente, amplificano sia in termini assoluti che percentuali la caduta del comparto artigiano.

In questo scenario, come detto, piccoli bagliori di luce arrivano dall’andamento del periodo tra aprile e giugno, nettamente migliore dei novanta giorni compresi tra gennaio e marzo: con le imprese artigiane che registrano un aumento di 41 unità, frutto del contestuale aumento delle iscrizioni (+28) e del calo delle cancellazioni (-27).

"Sul piano territoriale -illustra Aldo Ronci - gli incremento più significativi, sempre nel secondo trimestre di quest’anno, sono stati registrati a Pescara (+15) e Teramo (+10), con Chieti appena sopra 'quota zero' (+2) e L’Aquila appena sotto (-2)".

"Le variazioni positive più consistenti -fa notare- riguardano i servizi per la persona (+23), pulizia e giardinaggio (+16), ristorazione (+17). All’opposto, registra un decremento il settore dei trasporti (-13) e rimangono pressoché invariate le costruzioni (-4), le riparazioni di auto e apparecchi per la casa (-1), le attività manifatturiere (-1). L’edilizia, va sottolineato, sembra non aver arrestato quella crisi che dura da un quinquennio, con 262 imprese in meno dall’inizio dell’anno", aggiunge.

Secondo il direttore regionale della Cna Abruzzo, Graziano Di Costanzo, "l’artigianato mostra, numeri alla mano, di essere ancora il malato d’Abruzzo". "Se nello stesso arco di tempo si guardiamo l’andamento del totale delle imprese, senza l’artigianato, scopriamo che il saldo è positivo, ed è pari a 408 unità: in questo caso, dunque, anche se con ombre e luci, si può forse davvero parlare di crisi alle spalle", spiega. "Permane insomma -rimarca- la specifica serissima difficoltà della micro impresa artigiana, che trova la sua punta di diamante nel comparto edile, che da solo perde oltre la metà del totale".

"Restano dunque di grande attualità quelle richieste da noi avanzate da tempo, come agevolare l’accesso al credito attraverso il potenziamento dei confidi; ridurre la pressione fiscale; riformare la pubblica amministrazione radicalmente, snellendo soprattutto i tempi di erogazione dei fondi attraverso i bandi", avverte.

E prosegue: "Avviare la rigenerazione urbana e la messa in sicurezza degli edifici, tema tornato di drammatica attualità con il sisma del Centro Italia; cogliere le opportunità offerte da Masterplan, Patto per lo sviluppo e fondi comunitari per rilanciare davvero l’occupazione e lo sviluppo della regione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog