Cerca

sindacato

Cuzzilla: "Nel bilancio sociale 2016 di Federmanager un anno a porte aperte"

0
Cuzzilla: "Nel bilancio sociale 2016 di Federmanager un anno a porte aperte"

Roma, 13 ott. (Labitalia) - Un Bilancio sociale "a porte aperte", "specchio di un anno di lavoro" e "che fa cogliere appieno il senso delle numerose attività intraprese e, soprattutto, lo spirito di responsabilità, condivisione e appartenenza con cui sono state portate avanti". Così Stefano Cuzzilla, presidente di Federmanager, che associa oltre 180 mila dirigenti, quadri apicali, alte professionalità, in servizio e in pensione, parla con Labitalia del Bilancio sociale 2016 della federazione che sarà presentato lunedì a Roma.

Quello del 2016, anno di impegno e anche di svolta per Federmanager, è il primo Bilancio Sociale da quando la presidenza di Cuzzilla è operativa. "Il 2016 ha dato avvio a un nuovo ciclo -spiega il presidente- ricco di idee e di iniziative e a una grande azione di riposizionamento di Federmanager nei confronti degli stakeholder. Prendiamo l’esempio dell’Assemblea annuale di Federmanager: la presenza del governo, delle parti sociali, degli alti rappresentanti delle istituzioni di questo Paese alla nostra Assemblea è stata suggellata dalla soddisfazione di poter riunire in un momento fortemente simbolico tutto il management".

"Un cambio di prospettiva -afferma Cuzzilla- verso una visione 'aperta', un orizzonte più ampio, questa è stata la svolta. Abbiamo aperto le porte della nostra casa invitando esponenti politici e istituzionali a discutere delle tematiche più attuali proprio qui, nella nostra sede. Abbiamo istituito delle Commissioni sui settori della Sanità e delle Politiche industriali in cui i nostri colleghi si confrontano per portare proposte per il rilancio economico e sociale. Con questo metodo di lavoro abbiamo già prodotto risultati incoraggianti su, per esempio, energia, logistica, industria 4.0 e siderurgia".

In questo anno, Federmanager ha rafforzato molto i suoi strumenti di comunicazione, esterna e interna. "Per essere un'organizzazione leader -aggiunge Cuzzilla- devi parlare al Paese e interloquire con le forze politiche istituzionali e sociali per offrire idee, capacità, visione. Devi, per dirla tutta, aumentare la tua visibilità promuovendo incontri e eventi e, come ho detto, l’Assemblea annuale è un momento di grande spessore per lanciare un messaggio al Paese".

"Ma prima di tutto devi parlare in modo chiaro ed efficace alla tua comunità di riferimento: attraverso la rivista nazionale, il sito web che abbiamo integralmente rinnovato, la presenza sui social media cerchiamo di costruire ponti tra realtà diverse, comunicando il valore della sinergia, del confronto, del networking attraverso nuovi strumenti che la tecnologia ci offre", dettaglia il presidente di Federmanager.

Uno dei temi su cui ha puntato da subito la presidenza Cuzzilla è stato quello della bilateralità. "I corpi intermedi, non importa quanto messi in discussione, stanno esercitando -osserva il leader di Federmanager- una funzione essenziale in un periodo di grandi cambiamenti sociali. Abbiamo rapporti collaborativi con Confindustria e Confapi, con le quali condividiamo una forte azione sinergica su Industria 4.0, nella consapevolezza che sia un tema fondamentale per il futuro delle nostre imprese".

"Con Confapi abbiamo sottoscritto -ricorda Cuzzilla- il rinnovo contrattuale con una grande novità: oltre a confermare la centralità di Previndapi, Fasdapi, Fondazione Idi, Fondo Dirigenti Pmi abbiamo creato un ente dedicato al welfare e politiche attive (il nuovo 'PmiWelfareManager') e abbiamo riconosciuto la figura del 'professional' come ulteriore forma di managerialità che oggi merita tutela".

"Con Confindustria abbiamo ripensato gli assetti organizzativi e definito la governance degli enti bilaterali (Previndai, Fasi, Fondirigenti), e abbiamo stretto accordi in vista di un potenziamento della contrattazione collettiva e aziendale. Anche la formazione ha una valenza fondamentale, e anche qui siamo ben posizionati con i nostri enti bilaterali e con la nostra Management School Federmanager Academy".

C'è poi il capitolo cure sanitarie e salute dei manager. "Ricordo, a titolo di esempio, le iniziative sostenute insieme ad Assidai e Praesidium per affermare la cultura della prevenzione sanitaria e del benessere tra i colleghi e nelle famiglie. Dalla ricerca che abbiamo svolto sul tema della connessione tra sport, attività fisica e salute all’indagine sul tema della sanità giusta tra pubblico e privato, fino a iniziative gratuite di check-up e esami per gli assistiti, abbiamo voluto sensibilizzare sull’importanza della prevenzione e dell’adesione a stili di vita corretti", conclude Cuzzilla.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media