Cerca

IL NUOVO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Quirinale, Sergio Mattarella eletto presidente della Repubblica

Quirinale, Sergio Mattarella eletto presidente della Repubblica

Sergio Mattarella è il nuovo presidente della Repubblica. Il giudice della Corte Costituzionale sale al Colle dopo le dimissioni di Giorgio Napolitano. L'elezione di Mattarella  arriva dopo una lunga trattativa tra i partiti e dopo tensioni nella maggioranza. Alla quarta votazione Mattarella va al Quirinale con i voti del Pd, degli alfaniani, di Scelta Civica, ma anche degli ex grillini. Il quorum per l'elezione al quarto scrutinio è fissato a quota 505. Una soglia superata dopo la convergenza dei voti dem e quelli di Ncd. Mattarella ha raccolto 665 voti. 127 sono andati ad Imposimato (candidato grillino), Feltri 45 voti, schede bianche 105. Il presidente Mattarella, giunto a Roma da Palermo viene di fatto eletto da un Parlamento incostituzionale nato dal Porcellum. La candidatura è stata fortemente voluta da Matteo Renzi che sin dal primo scrutinio ha imposto agli altri partiti il nome del giudice costituzionale. La figura di Mattarella finora è rimasta nell'ombra nel panorama politico italiano. Di lui si ricordano gli incarichi da ministro e le pochissime apparizioni in video. L'unica intervista su youtube risale a circa 10 anni fa. 

Chi è Sergio Mattarella - 74 anni, palermitano, è un ex dirigente della Democrazia Cristiana e del Partito Democratico: è stato cinque volte ministro ed è giudice della Corte Costituzionale per nomina parlamentare dal 2011. È figlio di Bernardo Mattarella, politico democristiano che tra gli anni '50 e '70 è stato più volte ministro ed è fratello minore di Piersanti, altro politico democristiano ucciso il 6 gennaio del 1980 dalla mafia mentre era presidente della Sicilia.

La carriera - Tre anni dopo Sergio Mattarella, avvocato e docente di diritto parlamentare all'università di Palermo, viene eletto deputato con la Dc. Negli anni Ottanta è ministro dei Rapporti con il Parlamento nei governi De Mita e Goria. Poi ministro dell'Istruzione con Giulio Andreotti, carica dalla quale si dimette nel 1990 in segno di protesta contro l'approvazione della legge Mammì che, di fatto, favorì l'ascesa economica di Silvio Berlusconi.

Gli incarichi - È considerato uno dei veri fondatori dell’Ulivo di Romano Prodi e, prima ancora, del Partito Popolare. Ha diretto anche "Il Popolo" tra il 1992 e il 1994 e nel 1993 ha legato il suo nome alla riforma della legge elettorale in senso maggioritario, nota con l’appellativo "Mattarellum" (sostituita nel 2013 dalla legge Calderoli, nota come “Porcellum”). Nel 1996, con la vittoria elettorale dell'Ulivo guidato da Romano Prodi è capogruppo dei popolari alla Camera e diventa vicepresidente del Consiglio quando, dopo la caduta di Prodi, l'incarico venne assunto da Massimo D'Alema. Nei secondi governi D'Alema e Amato, Sergio Mattarella è ministro della Difesa. Nel 2001 è nuovamente eletto deputato nelle liste della Margherita e riconfermato a Montecitorio nel 2006 per la lista dell'Ulivo carica che ha ricoperto fino al 2008. Dall’aprile 2008 esce dalla scena politica attiva, concludendo il suo mandato parlamentare. Il 5 ottobre 2011 viene eletto giudice della Corte costituzionale dal Parlamento riunito in seduta comune. "E' una persona di assoluta lealtà, correttezza, coerenza democratica e alta sensibilità costituzionale", ha detto di lui l'ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Ora dopo Re Giorgio toccherà fare da arbitro nella politica italiana. E la partita da domani sarà infuocata. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dardo_01

    31 Gennaio 2015 - 15:03

    Vi spiego perchè non mi piace: Se mio fratello fosse stato ucciso ucciso sotto i miei occhi dalla mafia, avrei speso ogni energia per combattere la mafia stessa. Non ricordo che Mattarella, pur avendo ricoperto posizioni che glielo avrebbero consentito, si sia mai spe

    Report

    Rispondi

  • miacis

    31 Gennaio 2015 - 15:03

    "E' una persona di assoluta lealtà, correttezza, coerenza democratica e alta sensibilità costituzionale" ....detto da chi ha sospeso la democrazia nel paese dopo aver messo in mezzo il Berlusca é una garanzia!

    Report

    Rispondi

  • pinodipino

    31 Gennaio 2015 - 14:02

    Ma come fa un politico di professione come Salvini leader di una forza presente in Parlamento a dichiarare appena concluse le votazioni per il nuovo Presidente della Repubblica " Mattarella non è il mio Presidente " , questa dichiarazione da' l'esatta misura dello spessore politico dell'ex nullafacente : ZERO!!!

    Report

    Rispondi

    • giseppe

      31 Gennaio 2015 - 21:09

      sai che fai rima con cretino

      Report

      Rispondi

  • carlo58

    31 Gennaio 2015 - 14:02

    perchè ho la sensazione che il baffino abbia fregato il pinocchietto. gli ha imposto un nome per non sfasciare il pd con il risultato che il pinocchio ha dovuto ingoiare un rottame, ha disassato quei quattro gatti del traditor cortese e bloccato il nazzareno. bella mossa davvero baffino. e quel puppadito mastrottino naturalmente venderà l'idea come sua. a chi ci crede.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog