Cerca

Il rituale delle statuette

Oscar 2014, ecco perché "The Wolf of Wall Street" non ha vinto nulla

Oscar 2014, ecco perché "The Wolf of Wall Street" non ha vinto nulla

Vincitori e vinti. Ogni premiazione, compresa quella degli Oscar, consegna a qualcuno la soddisfazione più grande per lasciare ad altri l'amaro in bocca.  Questa volta, a restare a mani vuote è stato il regista Martin Scorsese: il suo The wolf of Wall Street non si è aggiudicato nemmeno una statuetta. Nella competizione per il miglior film dell'anno, d'altronde, non c'è stata partita. A qualche ora dalla cerimonia, 12 anni schiavo era già dato come super favorito. Il film, diretto da Steve McQueen, deve aver conquistato i giudici dell'Academy, nonostante la crudezza, anche per il tema, "politicamente corretto": ispirato a una storia vera, racconta un storia di sofferenza e riscatto di un nero negli Stati Uniti al tempo dello schiavismo.
 
Duelli vinti - Tutto il contrario si può dire della pellicola interpretata da Leonardo di Caprio. Violento, scorretto, spietato e volgare. Un film, The wolf of Wall Strett, che ad alcuni è sembrato una sorta di "celebrazione" della spregiudicata figura del broker, tra cocaina, droga, sprechi, sesso violento, perversione e un fiume di parolacce. La giuria di Hollywood, insomma, non se l'è sentita di premiare una pellicola forte come quella di Scorsese. Sconfitta personale ed ennesima delusione per Di Caprio che, nella sezione riservata al Miglior attore protagonista, ha perso la sfida con Matthiew McConaughey. Per il bello (e bravo) Leo, insomma, la Statuetta ancora non arriva. Curioso il fatto che abbia vinto McConaughey: i due si sono sfidati in un duello "testa a testa" proprio nel dialogo della prima sequenza di Wolf of Wall Street (Di Caprio è il broker novellino, McConaughey il vecchio lupo esperto, spregiudicato, alcolizzato e cocainomane). Una scena d'antologia, in cui il neo-premio Oscar, senza nulla togliere a Di Caprio, in una sorta di stato di grazia ha dimostrato tutta la sua abilità davanti alla telecamera. Duello vinto, insomma. Proprio come l'Oscar...

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frabelli

    04 Marzo 2014 - 13:01

    Vuoi vedere che 12 anni schiavo ha vinto principalmente perché l'America si interroga sullo schiavismo, come lo scorso anno premiò Argo, mentre secondo me Lincoln avrebbe meritato di più, quest'anno è stata la medesima scelta del "correct"

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    03 Marzo 2014 - 18:06

    oggi il film americano è troppo violento, è inguardabile. E' un pugno per una madre , un padre che crescono i propri figli con tanta premura e tanta fatica per poi la società ridurli a delinquenti, degni a marcire in un carcere. quanto dolore per i genitori.

    Report

    Rispondi

blog