Cerca

Invidia hollywoodiana

Le Monde: "Oscar a una Roma simbolo del declino italiano"

Il quotidiano francese poco generoso con la pellicola di Sorrentino e con il nostro Paese. Ma Oltralpe non vincono dal '93

Le Monde: "Oscar a una Roma simbolo del declino italiano"

L'Oscar per il miglior film straniero premia una Roma "a rischio bancarotta. Jep Gambardella perfetto simbolo del declino". Così il quotidiano parigino Le Monde sul film di Paolo Sorrentino che la scorsa notte si è aggiudicato a Hollywood la statuetta come miglior film straniero. Un successo, quello della pellicola di Paolo Sorrentino, che proietta il nostro Paese ancor più ai vertici della classifica mondiale dei Paesi che hanno ottenuto più Oscar per il miglior film staniero con 14. Seconda, con 12 statuette, è la Francia, grande protagonista del cinema mondiale durante la Nouvelle Vague degli anni Cinquanta e Sessanta. Poi, però, per il cinema d'Oltralpe, le cose si sono fatte difficili. Circa 21 anni fa a trionfare ad Hollywood fu "Indocina" di Regis Wargnier e nel 2012 "The Artist" di Michel Hazanavicius. Noi abbiamo stravinto nel '99 con "La vita è bella" di Benigni, che si portò a casa pure la statuetta per la miglior regia. E i francesi rosicano... O, come rosicano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Gios78

    04 Marzo 2014 - 13:01

    Che l'Italia sia decadente non si può negare. Così come non si può negare che la colpa di tutto sia dell'unione europea e dei politici nostrani che ci hanno costretti ad abbracciarla senza chiederci se la cosa ci piacesse o no. Detto questo, la domanda è una: ma che CAZZO vogliono i francesi di Le Monde? Forse sarebbe ora che si chiedessero per quale motivo in tutto il mondo i francesi sono odiati e derisi a causa della loro stupida e inspiegabile arroganza. Belli i loro film. Pessime imitazioni del cinema Usa con inseguimenti tutti da ridere, bagette e risse a colpi di arti marziali che neanche Steven Seagal si permette più di propinare al pubblico. I francesi sono come l'invitato antipatico e spocchioso che quando si presenta alla festa fa scappare tutti...

    Report

    Rispondi

  • arkadin

    04 Marzo 2014 - 13:01

    marco beato te che ti diverti in Italia, sull'invidia dei francesi che hanno una cinematografia con una vera industria e tra le più potenti del mondo beh che dire? buona camicia a tutti

    Report

    Rispondi

  • ThomasH

    04 Marzo 2014 - 10:10

    Roma parassita... la cosa più ovvia che un italino medio e sicuramente inetto poteva scrivere purtroppo gli "itlianetti" vivono di luoghi comuni ... povera Italia questo è uno dei tanti mali che affligge questo paese!

    Report

    Rispondi

  • mariador

    04 Marzo 2014 - 09:09

    Un paese che ancora vive dei fasti dell'impero romano, un paese senza più valori che prova a fingere di credere all'unico rimasto, l'autogratificazione, l'autoreferenzialismo, che lascia intorno solo vuoto totale senza un barlume di speranza nel futuro. Questo è "La grande bellezza", un' elegante descrizione del declino, della decadenza di questa debole Italia. Le Monde ha purtroppo ragione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog