Cerca

La provcazione

Santacroce attacca il salone del Libro di Torino: "Gli dedico il mio culo"

Santacroce attacca il salone del Libro di Torino: "Gli dedico il mio culo"

"Dedico il mio culo al Salone del libro di Torino". La scrittrice Isabella Santacroce, diventata famosa per la trilogia Fluo (gli altri due titoli sono Destroy e Luminal, entrambi pubblicati da Feltrinelli) usa Instagram per lanciare la sua provocazione. Sui social network è infatti comparsa ieri l'immagine del suo lato B come protesta alla rassegna internazionale che oggi, dopo cinque giorni, chiude i battenti nella città della Mole. "Non sono mai stata invitata dal Salone", ha spiegato la Santacroce ad Affari Italiani, "e non ci sono mai stata. Non che mi interessi ricevere un invito, ma la verità è che in Italia sono una grande esclusa dal mondo del libro". Isabella Santacroce si sente "mandata in esilio. La verità è che temono la verità". Non per questo, però, l'autrice di romanzi come Revolver (Mondadori, 2004) e Amorino (Bompiani, 2012), definita da Cesare Garboli "prosatrice d'arte di altissima qualità, ipnotica, incantatoria, e sotto tutti gli aspetti ‘stupefacente'...", smetterà di scrivere: "Anzi. Ho da poco terminato di scrivere il mio undicesimo libro, che sarà una supernova".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • adriespo

    12 Maggio 2014 - 20:08

    Madooooooooooona che culo

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    12 Maggio 2014 - 14:02

    Cara mia, prima cosa, complimenti bel fondo schiena, innegabile. Seconda cosa non hai saputo darla a chi di dovere. Oggi in Italia per arrivare a certi livelli non serve essere bravi, per l'uomo basta darlo e per la donna basta darla. Oggi più una persona è ignorante e incompetente ma ladro e lo dà o la dà, sicuramente fa carriera ed entra in alcuni ambienti politicizzati di valore.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    12 Maggio 2014 - 09:09

    Mi viene da pensare che se ha bisogno di farsi vedere vestita come una valchiria o posare col culo nudo, significa che di argomenti letterari ne abbia gran pochi. Le donne usano il corpo quando non hanno altre qualità evidenti.

    Report

    Rispondi

    • FedericoCacciar

      12 Maggio 2014 - 14:02

      Se questo è tutto quello che sei riuscito a cogliere dall'articolo, pare che sia tu a non averne di argomenti. Sintomo di pochezza non solo di pensiero ma di tutto l'essere.

      Report

      Rispondi

      • blues188

        12 Maggio 2014 - 16:04

        Eccolo arrivato l'intellettuale di turno. Bravo, ora che hai scritto le tue brave cosette, vai a lavorare.

        Report

        Rispondi

  • kobra12

    12 Maggio 2014 - 09:09

    Peccato che Schicchi è morto perchè la Santacroce ha tutt'altri argomenti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog