Cerca

La battaglia

Vespa non vuole rinunciare al giovedì sera

Bruno Vespa

Mentre a viale Mazzini si rianima la protesta contro i 150 milioni di euro che la Rai ha dovuto sborsare per decreto al governo silenziata nei giorni del silenzio elettorale, Bruno Vespa torna a fare battaglia. Come scrive oggi Carlo Tecce sul Fatto il conduttore di Porta Porta sarebbe pronto alla battaglia per non mollare il giovedì la quarta puntata settimanale sostituita per 20 volte a stagione da Duilio Giammaria. Porta a Porta è ancora monca, nei palinsesti che esordiranno in versione bozza nel Cda di oggi e Vespa insiste, scrive Tecce, rivendica la massima estensione. Forte anche del successo ottenuto con l'ospitata di Beppe Grillo prima delle elezioni, Vespa vuole evitare lo stop settimanale. E i motivi sono pure contrattuali: perché il giornalista deve rinnovare l'accordo da esterno che, fra garantito (1,2 milioni di euro) e speciali, gli frutta 2,1 milioni di euro l'anno. Meno puntate, meno soldi.


Toccherà al Cda decidere cosa fare. Una decisione che fa il paio con quella da prendere sul ricorso che Alessandro Pace, l'ex presidente dei costituzionalisti italiani, consiglia all'azienda di fare per recuperare i 150 milioni che a detta dell'Usigrai sono stati usati da Renzi per la copertura dei famosi 80 euro in busta paga elargiti a partire da maggio. "Il prelievo", secondo il costituzionalista, "sarebbe un'appropriazione indebita" perché va contro la Carta in quanto "il canone è una tassa di scopo e le relative entrate non vanno nel bilancio generale". Pace suggerisce un ricorso al Tribunale Civile per ottenere la restituzione dei 150 milioni e poi plasmare una riforma Rai in sessanta giorni.
Oggi il Cda discuterà anche di questo. Sul tavolo ci sono dilemmi del tipo: aprire un fronte a Palazzo Chigi o restare in silenzio? E ancora: prolungare la durata dei programmi in prima serata per risparmiare in seconda? Vespa trema, anche perché pare che oltre i 150 milioni ce ne siano ancora 50 da limare per la "riduzione ai costi operativi per le partecipate statali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    29 Maggio 2014 - 09:09

    Entusiasta del successo ottenuto con la puntata dedicata a Grillo, ho la sensazione che Vespa abbia voluto cavalcare troppo presto l'onda del presunto tsunami, ed ora cerca di difendere una posizione che fa gola a molti altri, che legittimamente contestano il mostro-sacro di un'intera generazione. Sempre questione di soldi.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    28 Maggio 2014 - 11:11

    le partecipate statali sono l'obbrobrio che ha portato il Paese nei debiti e la principale colpa se la nuova generazione e' disoccupata. Tutto privato, altro che cazzate.

    Report

    Rispondi

blog